in ,

Grillo non si scusa per il post sugli ebrei. Pronto il disegno di legge M5S per abolire Equitalia

Non si placano le polemiche dopo i post del leader del Movimento 5 Stelle su Primo Levi e la questione ebraica. Anzi, Beppe Grillo non si scusa e rincara la dose durante una conferenza stampa alla Camera. Il tema dell’incontro è la proposta dai pentastellati di eliminare Equitalia: “Va abolita per una questione di giustizia”. Ben presto, però, quello dell’ex comico diventa un comizio.

Movimento 5 stelle conferenza stampa Grillo

Riguardo i post sugli ebrei, lo stesso Grillo non si muove di un passo e, anzi, dichiara: “Non c’è nessun intento ad offendere. Io non ho mancato di rispetto a nessuno”. E poi affonda: “Le comunità ebraiche dovrebbero cambiare il portavoce e i comunicatori, stupidi ignoranti e poco intelligenti, che danneggiano la comunità”.  L’ex comico aveva riscritto in modo del tutto personale la poesia che introduce “Se questo è un uomo” di Primo Levi. La cosa non era affatto piaciuta ai colleghi politici, nè tanto meno alla comunità ebraica, che aveva replicato a Grillo, definendo il suo post una “infame provocazione”

Nel corso della conferenza stampa, poi il leader 5 stelle si rivolge direttamente ai giornalisti: “Mi seguite con le telecamere come dei walking dead e mi fate domande stupide su Renzi”. Sul premier, Grillo conclude definendolo un “pagliaccetto”, che ha come avversari la democrazia, l’intelligenza e la libertà.

photo credit: Matteo Pezzi via photopin cc

domenica live

Barbara D’Urso litiga con Greta del GF: “Mi vuoi insegnare il lavoro?”

Fioriscono i fotomontaggi su Silvio Berlusconi affidato ai servizi sociali