in

Gruppo Generali lavora con noi 2015: opportunità per neolaureati con il ‘Global Graduate Program’

Sei un brillante neolaureato che sogna di fare carriera a livello internazionale? Anche nel 2015 Gruppo Generali offre a giovani talenti la possibilità di lavorare con la compagnia assicurativa, permettendo ai migliori di loro partecipare ad un esclusivo programma di formazione e lavoro denominato “Global Graduate Program”.

Ecco i requisiti per candidarsi: aver conseguito di recente una laurea nel settore economico o in materie quantitative (Statistica, Matematica…), conoscere bene la lingua inglese e almeno un’altra lingua, aver maturato una minima esperienza di studio o di lavoro fuori dall’Italia.

I venti candidati migliori avranno l’opportunità unica di prendere parte al programma di formazione della durata di 18 mesi, sperimentandosi nella job rotation in due differenti paesi dove opera il gruppo e al tempo stesso partecipando ad un master, attraverso occasioni di apprendimento a distanza e project works. Durante la durata del programma, la cui partenza è prevista a settembre 2015, i partecipanti saranno assunti da Assicurazioni Generali e pagati come dipendenti; al termine, ognuno di loro sarà assunto in una delle diverse compagnie del Gruppo Generali nel mondo.

Cosa aspetti a candidarti? Ricordati che la scadenza per inoltrare la tua candidatura è il 12 aprile 2015: affrettati a leggere i dettagli del regolamento e a presentare la domanda.

(l’immagine, tratta da Wikipedia, rappresenta la presenza di Gruppo Generali nel mondo)

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

annoiarsi genera idee geniali

La noia rende più creativi: annoiarsi genera idee geniali, ecco la prova

Mamme che lavorare come dire addio ai sensi di colpa

Mamme che lavorano: dire addio ai sensi di colpa è possibile, ecco perché