in ,

Guardia di Finanza: irregolare il 14% dei distributori di carburante

Manomissioni che vanno dalla presenza di acqua nel gasolio, alla classica erogazione di benzina in quantità inferiori rispetto al display. Dopo la spiacevole scoperta sono stati denunciati undici gestori mentre altri 68 sono stati sanzionati. Tra i sistemi di truffa maggiormente utilizzati dai gesotri incriminati, non può essere non citato quello di Casalnuovo, in Campania, dove alcuni automobilisti dopo aver effettuato il rifornimento hanno riscontrato seri problemi al motore. La fiamme gialle dopo un’analisi sul carburante, hanno riscontrato una presenza del 15% di acqua.

Altro caso che “merita” di essere citato, è quello accaduto a Pescara, dove i gestori di una pompa di benzina modificavano il prezzo sul display: uno distraeva l’automobilista facendogli alcune domande, mentre l’altro modificava appunto la cifra, in questo modo creavano delle riserve di carburante che potevano così essere vendute separatamente ed ovviamente a nero.
benzina


Sigilli violati anche a Palermo, i finanzieri hanno scoperto la manomissione dei sigilli di taratura apposti dall’Ufficio Metrico e l’alterazione dei misuratori, con l’erogazione di carburante inferiore dell’8% rispetto a quanto visualizzato sui display.

Anche a Reggio Emilia, la benzina effettivamente erogata da un distributore, dopo i controlli è risultata inferiore del 10% rispetto a quanto indicato. Occhi aperti, ma in questi casi se riscontrate anomalie è sempre bene segnalare alla guardia di Finanza.

Seguici sul nostro canale Telegram

belen rodriguez stefano de martino

Belen e Stefano De Martino, cosa indosseranno gli sposi al matrimonio

George Lucas e Mellody Hobson

George Lucas diventa padre a 69 anni