in ,

Guerrina Piscaglia, l’ira dei familiari: “Padre Gratien non ha detto la verità”

A qualche giorno dall’interrogatorio fatto in carcere a padre Gratien Alabi, il sacerdote 45enne di origini congolesi in carcere dal 23 aprile 2015 con l’accusa di essere responsabile della sparizione e morte di Guerrina Piscaglia, indiscrezioni dell’ultim’ora darebbero imminente il suo rinvio a giudizio.

L’indagato, non avendo infatti fornito al pm nuovi elementi che lo scagionassero o che comunque sciogliessero i quesiti cardine del quadro accusatorio a suo carico, potrebbe quindi essere presto processato. Secondo quanto riportato da Il Corriere di Arezzo, infatti, il pm Marco Dioni e il procuratore capo Roberto Rossi potrebbero procedere in tempi celeri al rinvio a giudizio del religioso.

Tanta la delusione dei familiari di Guerrina Piscaglia, che si aspettavano durante l’interrogatorio emergesse la verità sulla scomparsa della casalinga. I legali del marito Mirco Alessandrini, Francesca Faggiotto e Nicola Detti, certi che il loro assistito (indagato per false dichiarazioni al Gip) sarà presto prosciolto, hanno detto in merito al colloquio in carcere tra padre Gratien e il pm: “Occasione persa per dire la verità”.

Riforma pensioni flessibilità Ape

Riforma pensioni 2015 ultime novità: sintesi tra Quota 100, contributivo e mini pensione, i rebus del Governo

affitto studenti fuori sede, studenti fuori sede affitto

Affitto studenti fuori sede: quali sono le città universitarie dove la casa costa di più?