in ,

Guerrina Piscaglia news, analisi resti ossei: previsti tempi lunghi per estrazione Dna

Le ultime notizie relative al caso della scomparsa di Guerrina Piscaglia riguardano i ritrovamenti ossei fatti nel cimitero di San Gianni, frazione a pochi chilometri da Ca’ Raffaello, nell’Aretino, dove il 1° maggio 2014 scomparve nel nulla la casalinga 50enne, Guerrina Piscaglia.

Nella tarda serata di ieri è infatti arrivata la prima indiscrezione sulle analisi in corso a Pisa, affidate al medico legale Marco Di Paolo. I primi accertamenti sui frammenti di tessuto molle avrebbero dato esito negativo, rendendo impossibile risalire al Dna umano, “ragionevolmente a causa della degradazione della matrice biologica determinata da fattori ambientali”, spiega il medico.

Le analisi andranno quindi avanti anche se l’esito richiederà un tempo d’attesa maggiore rispetto a quanto previsto, stimabile in circa 20 giorni; l’attività di estrazione del Dna proseguirà e sarà effettuata sui tessuti ossei. Intanto dalle indagini sulla scomparsa di Guerrina emergerebbe un dettaglio al vaglio degli inquirenti: qualora risultasse che i resti scheletrici appartengono alla casalinga scomparsa, si ipotizza che il corpo, prima di essere dato alle fiamme, sia stato abbandonato in un terreno poco fuori da Ca’ Raffaello e già identificato dagli investigatori. Chi ha ucciso Guerrina, il giorno stesso in cui scomparve, l’avrebbe sepolta in quel campo per poi riesumarla e trasferire i suoi resti nell’ossario di San Gianni, ancor prima che partissero le ricerche e il caso divenisse ‘mediatico’.

Alex Belli confessa di avere tradito la moglie

Isola dei Famosi, Alex Belli confessa: “Ho tradito mia moglie”

startup italia

Startup innovative in Italia, Aenduo la telemedicina a portata di tutti