in ,

Guerrina Piscaglia news: ossa rinvenute in cimitero compatibili con figura femminile

Le ossa umane rinvenute casualmente fra giovedì e venerdì dentro l’ossario del cimitero di San Gianni, ad Arezzo, in una località fra Ca’ Raffaello e Sestino, sarebbero compatibili con una figura femminile. A darne conferma i Ris dei carabinieri che hanno fatto il macabro ritrovamento. Tuttavia non si tratterebbe di uno scheletro intero, ma solo di alcuni brandelli. Fortissimo è il timore che quei resti possano appartenere a Guerrina Piscaglia, sparita nel nulla da Cà Raffaello il 1° maggio di un anno fa.

Secondo indiscrezioni dell’ultim’ora che giungono dal laboratorio di analisi in cui stanno avendo luogo i dovuti accertamenti atti alla identificazione dello scheletro e alla comparazione con il Dna della donna scomparsa, i resti andrebbero a ricostruire parte di un busto umano e arti riconducibili a una figura di donna. Il cranio non sarebbe stato rinvenuto, né tanto meno nell’ossario vi era traccia di indumenti.

Il fatto poi che nelle ossa vi siano ancora residui di cartilagini attaccate, fa pensare che la datazione dei resti sia relativamente recente e collocabile in un periodo compatibile con quello della scomparsa di Guerrina Piscaglia. Il responso dei Ris sugli accertamenti in corso dovrebbe arrivare a metà della prossima settimana.

start up cloud innovative

Start Up Italia: da Impact 2,5 milioni per le imprese cloud

Alvaro Vitali: “Voglio riportare Pierino al cinema”