in ,

Guerrina Piscaglia news, padre Gratien intercettato: “È stato uno sbaglio mio”

“È stato uno sbaglio mio, ti devo parlare a voce”, questo è solo uno stralcio della conversazione telefonica intercorsa tra padre Gratien Alabi ed il confratello 58enne padre Faustino, avvenuta il 10 settembre 2014, qualche mese dopo la scomparsa di Guerrina Piscaglia.

La conversazione integrale tra i due religiosi è stata pubblicata dal settimanale Giallo, ed è finita agli atti dell’inchiesta sul giallo di Ca’ Raffaello, giacché padre Faustino raccontò agli inquirenti le confidenze fattegli dal congolese. Si tratta di parole che per gli inquirenti hanno una grande rilevanza ai fini delle indagini, in quanto considerate alla stregua di implicita ‘confessione’, quasi un goffo tentativo del prete congolese di liberare la sua coscienza da un grosso peso confidando le sue colpe a qualcuno di cui si fidava ciecamente.

Sempre secondo il settimanale Giallo, inoltre, la succitata conversazione sarebbe corredata da altre intercettazioni – una risalente al 13 settembre, dove Gratien dice al confratello che Guerrina aveva una relazione intima con ‘zio Francesco’ – fatte ai due sacerdoti che lascerebbero emergere un quadro probatorio molto pesante a carico di Alabi.

Giro d Italia tappe altimetria

Ciclismo, Adriano Malori argento ai mondiali di Richmond

Grande Fratello 2015: Mary e Roberto saranno i primi a fidanzarsi?