in ,

Guerrina Piscaglia news, spuntano due lettere: il giallo di Ca’ Raffaello si infittisce

Esistono due lettere scritte a penna, la cui grafia sarebbe stata riconosciuta come appartenente a Guerrina Piscaglia dalla signora Rosa, zia di Mirco Alessandrini, in possesso di una donna che si chiama Cristiana, impiegata amministrativa dotata a suo dire di “strane intuizioni di fenomeni non del tutto spiegabili”.

La donna ha reso pubblici i due messaggi che Guerrina Piscaglia, comunicando con lei attraverso “flash” e premonizioni subito dopo la scomparsa, le avrebbe scritto per indicarle il luogo in cui sarebbe sepolta al fine di essere ritrovata. Questi messaggi oggi sono stati letti in diretta durante la trasmissione Pomeriggio 5, e contengono dei dettagli alquanto ambigui e bizzarri, corredati di particolari attinenti alla sfera personale della casalinga scomparsa che nessuno, eccetto i suoi familiari più stretti, avrebbero potuto conoscere.

Nello specifico si parla di una cicatrice sul lato sinistro del torace di Guerrina, provocata dalla caduta da una sedia avuta in tenera età, di cui la donna non fece mai menzione, e della cui esistenza la sedicente veggente non avrebbe mai potuto sapere, non avendo lei mai conosciuto Guerrina.

Due missive che in alcuni tratti hanno la forma della richiesta di aiuto: “Ho un buco nella parte sinistra …”, avrebbe scritto Guerrina, che la signora Cristiana dice di ‘sentire’ e ‘vedere’ “collocata in un certo punto della strada che porta a Cicognaia”. Al riguardo, Guerrina avrebbe scritto: “Ti aspetto, sei nel posto giusto, sotto la chiesa, vieni a prendermi”.

 

 

 

 

 

 

 

Finanziamenti PMI: Siena, Fises supporta le imprese alluvionate

Anticipazioni Uomini e Donne trono classico: Silvia fa già piazza pulita