in ,

Guerrina Piscaglia, riprese ricerche corpo: cani da cadavere nei luoghi di padre Gratien

A oltre due anni dalla scomparsa, ieri mattina 28 luglio sono riprese le ricerche del corpo di Guerrina Piscaglia, la casalinga 50enne scomparsa a Ca’ Raffaello (Arezzo) il 1° maggio 2014.

Al lavoro in due zone della Valmarecchia, le squadre della Forestale, Carabinieri e Polizia, coadiuvate da due cani specializzati nella ricerca di cadaveri e scheletri umani, facenti parte del Nucleo Cinofili di Malpensa.

Le ricerche – purtroppo ancora senza esito – sono andate avanti dalla mattina fino al tardo pomeriggio: si è cercato in tutta la zona di Ca’ Raffaello, nello specifico nel rudere della Cicognaia e nella canonica dove officiava l’unico indagato per l’omicidio, padre Gratien Alabi, dove stava andando la donna quando è scomparsa e dove pare andasse con frequenza per via di una presunta relazione extraconiugale con il religioso congolese.

>>> CASO PISCAGLIA TUTTI GLI ARTICOLI

“Non la troveremo più viva” – questa la rassegnata convinzione dei familiari di Guerrina –  “ma cerchiamo la verità”. Le nuove ricerche del corpo della donna scomparsa misteriosamente sono coordinate dalla Questura di Arezzo, e fortemente volute e sollecitate dall’associazione Penelope; proseguiranno anche nella giornata di oggi, 29 luglio, si concentreranno nella zona di Piandimeleto, attraverso una mappa ricostruita dagli inquirenti sulla base dei tabulati telefonici che collocherebbero lì padre Gratien due giorni dopo la scomparsa, esattamente il 3 maggio 2014.

mostre genova palazzo ducale gramsci

Mostre Genova Estate 2016: al Palazzo Ducale esposti i quaderni di Gramsci

bombardato ospedale in siria

Siria, bombe su ospedale pediatrico Save the Children: “Ci sono vittime”