in ,

Guerrina Piscaglia: ritrovate ossa umane in zona Ca’ Raffaello, accertamenti in corso

Una clamorosa indiscrezione diffusa dal quotidiano Il Corriere di Arezzo potrebbe essere ricollegata al caso sulla scomparsa di Guerrina Piscaglia. A Pieve Santo Stefano, a circa trenta chilometri da Ca’ Raffaello, il paesino dell’Aretino da cui il 1° maggio di un anno fa scomparve la casalinga 50enne, sono state rinvenute ossa umane. A fare l’inquietante ritrovamento non uomo qualunque ma l’ex sindaco Lamberto Palazzeschi, impegnato nella ricerca di tartufi nella zona, in località Sintigliano.

Stando alle indiscrezioni emerse, si tratterebbe di resti ossei sparpagliati e conficcati nel terreno, e ciò lascerebbe pensare all’azione dell’uomo, non certo di animali. La scoperta è stata fatta ieri mattina intorno alle 9, in un terreno antistante il cimitero in disuso di Sintigliano. “La scorsa settimana non c’era nulla”, ha assicurato Palazzeschi, facendo presupporre che qualcuno abbia lasciato lì quelle ossa proprio nei giorni scorsi.

Impossibile non ricollegare il rinvenimento al caso di Guerrina Piscaglia e al mistero dei resti ritrovati nel cimitero di San Gianni, a Sestino. L’intera area è stata transennata e i resti ossei sequestrati dal medico legale. I carabinieri di Pieve e di Bibbiena stanno lavorando sul caso: unica indiscrezione emersa finora è che si possa trattare di ossa appartenenti ad adulti e bambini. Escluso al momento ogni possibile collegamento con il caso di Guerrina, ma gli accertamenti sono ancora in corso.

pancia gonfia

Pancia piatta in una settimana: dieta per eliminare la pancia gonfia

Diretta Tv Juventus

Calciomercato Juventus: Gotze o Draxler il trequartista per Allegri