in ,

Guerrina Piscaglia: sms sospetto inchioda padre Gratien, ecco le parole della dottoressa Bruzzone

Per la seconda volta ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere, padre Gratien. Il sacerdote indagato per favoreggiamento in sequestro di persona o omicidio nel caso della scomparsa di Guerrina Piscaglia, ieri davanti ai magistrati ha taciuto. Padre Gratien fu inizialmente sentito dagli inquirenti come persona informata sui fatti, ma dal 1° maggio 2014 – giorno della scomparsa di Guerrina – i sospetti sulla sua colpevolezza e coinvolgimento nella vicenda sono cresciuti sempre di più. Lui, indagato insieme a Mirko, marito della donna, avrebbe mentito più d’una volta agli inquirenti.

Stamani a “Storie Vere”, trasmissione Rai condotta da Eleonora Daniele, la criminologa Roberta Bruzzone ha espresso molteplici perplessità in merito alla figura di padre Gratien, definendo “fantomatici” i due uomini di cui il prete fa menzione – il venditore ambulante (la cui nazionalità non è stata a tutt’oggi definita ed identificata) e il misterioso “zio Francesco” – indicandoli come potenziali colpevoli della scomparsa di Guerrina. La Bruzzone avalla senza remore la tesi della procura di Arezzo impegnata nelle indagini, secondo cui il venditore ambulante sarebbe estraneo ai fatti in quanto provvisto di un alibi molto forte per quel 1° maggio, e lo “zio Francesco” sarebbe una figura di pura fantasia, inventata dal frate per depistare.

L’esperta criminologa ha infine sottolineato l’importanza di un sms messo agli atti dalla Procura, che inchioderebbe padre Gratien rendendolo il sospettato numero uno. “Ricordiamo l’sms messo agli atti dalla Procura che proverebbe la sospetta manomissione del cellulare di Guerrina da parte del parroco, nel periodo successivo alla sua scomparsa” – ha spiegato la dottoressa – “quel messaggio è stato inviato da un’utenza di Guerrina ad un amico stretto di padre Gratien che la donna – è stato appurato – non conosceva”. Stando agli atti in quell’sms Guerrina avrebbe confidato ad un uomo, di cui al momento si ignora l’identità, la sua intenzione di andarsene di casa per costruirsi una nuova vita. Gli inquirenti sospettano che quel messaggio sia stato scritto da padre Gratien, che avrebbe manomesso il telefonino della donna al fine di depistare le indagini.

offerte di lavoro turismo 2015

CIR Food offerte di lavoro 2015: a Milano si cerca personale nella ristorazione

Le Invasioni Barbariche anticipazioni e ospiti

Le Invasioni Barbariche 2015 anticipazioni seconda puntata del 21 gennaio