in ,

Guerrina Piscaglia voleva un figlio di colore? Le sorelle replicano a padre Gratien: “Fango su di lei!”

“Non si deve permettere di parlare di Lorenzo (il figlio di Guerrina ndr), non deve mai più nominarlo!”, furiose ieri a Pomeriggio 5 Loredana e Marina, sorelle di Guerrina Piscaglia. Le donne hanno chiesto alla trasmissione il legittimo diritto di replica alle parole rilasciate qualche settimana fa da padre Gratien Alabi, accusato dell’omicidio della casalinga di Ca’ Raffaello scomparsa quasi 2 anni fa.

Il prete congolese, infatti, nell’intervista di cui in oggetto (QUI le sue parole) aveva rigettato ogni accusa, sostenendo di non essersi mai accorto che la Piscaglia era invaghita di lui, e comunque di non avere mai ricambiato il suo interesse. Il religioso, poi, in merito alla presunta gravidanza della donna, aveva dichiarato che Guerrina avrebbe voluto un figlio di colore, chiamando in causa anche il figlio della 50enne, Lorenzo.

A tal proposito le sorelle di Guerrina hanno voluto fare delle precisazioni, indignate per le parole di padre Gratien: “Deve smetterla di buttare fango su una persona (Guerrina Piscaglia ndr) che non si può difendere. Come si permette di dire queste cose su di lei? Che dica piuttosto la verità su quello che ha fatto! Se anche non ha commesso l’omicidio, lui sa cosa è successi quel giorno, ha detto tante bugie …”.

>>> LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SU CASO GUERRINA PISCAGLIA

Le due donne si son dette convinte che Alabi sia il custode della verità, e che sappia dunque che fine abbia fatto la loro sorella. Ancora una volta hanno fatto un appello rivolgendosi proprio al religioso, invitandolo a dire una volta per tutte cosa accadde quel 1° maggio 2014: “Non riusciamo ad andare avanti, è da 2 anni che stiamo soffrendo”.

 

 

Giampiero Ventura Nazionale allenatore

Torino – Sassuolo: probabili formazioni e ultime news, 35a giornata Serie A

Crotone calcio news

Diretta tv e streaming gratis Serie B 38° giornata