in ,

Hacker su Repubblica.it? Altphabet pubblica petizione online a favore della libertà d’informazione

I pirati informatici si sono impossessati della pagina Facebook del quotidiano Repubblica.it? Parrebbe di sì. Un post astruso, incomprensibile è stato postato qualche minuto fa nel Timeline del noto quotidiano. Simboli indecifrabili che chiedono l’attenzione degli internauti rimandano ad un link copincollato accanto ad un lungo messaggio in codice.facebook repubblica hackerato

Aprendolo, ci si rende conto che invece si tratta di un messaggio criptato, scritto in codice ALTPHABET, veicolo di un messaggio che richiama l’attenzione di tutti: “in Europa il diritto all’informazione e la libertà dei media è a rischio ogni giorno. per questo abbiamo invitato giornalisti, blogger e utenti a rendere inaccessibili i loro articoli, post e status con un linguaggio criptato chiamato Altphabet “.

Si chiede riflessione e impegno corale agli utenti in rete, affinché la libertà di espressione e di informazione non sia limitata, costretta, filtrata. L’obiettivo dell’iniziativa è quella di raccogliere 1 milione di firme da portare nel tavolo dell’Unione Europea in nome della tutela del diritto dei cittadini ad avere media indipendenti. L’articolo-petizione è firmato da Luca Pierattini, ed invita i lettori a ‘firmare’ la petizione e a scrivere un commento criptato e a condividerlo nel proprio profilo Twitter e Facebook. Eccone uno stralcio: “La libertà di stampa in Europa migliora solo in Italia, ma non c’è da sorridere. Secondo l’indice 2014 di Reporters sans frontières, il nostro paese progredisce di 9 punti rispetto al 2013 ed esce da una “spirale negativa”, tornando tra i Paesi con una situazione “piuttosto buona”, al 49esimo posto sui 180 della classifica”.

stadio città di Nantes

Calciomercato Lazio: l’attaccante serbo Djordjevic firmerà un contratto quadriennale (Video)

Michael Schumacher

Schumacher sorridente testimonial di uno spot: l’ira dei tifosi