in

Hiroshima oggi, 74esimo anniversario del disastro: il Giappone si ferma

Ricorre oggi, martedì 6 agosto 2019, il 74esimo anniversario del disastro di Hiroshima. Quella data, studiata sui libri di storia, ha segnato la vita dell’uomo, diventando il simbolo della catastrofe da lui provocata. Erano le 8.15 del 6 agosto 1945 quando la prima bomba atomica americana veniva sganciata sulla città, uccidendo 140 mila persone. Un disastro immane ricordato, questa mattina, alla stessa ora con un minuto di raccoglimento. Il Giappone si è fermato per commemorare la ricorrenza alla presenza di 50 mila persone, tra cui i rappresentanti di una novantina di Paesi e regioni. A 74 anni dal disastro nucleare i rintocchi della campana nel parco del Memoriale della Pace di Hiroshima hanno scandito il tradizionale minuto di silenzio, per non dimenticare quell’orrore.

Hiroshima oggi, un minuto di raccoglimento in ricordo del disastro

Durante la cerimonia di oggi, per il 74esimo anniversario del disastro di Hiroshima, – come da tradizione – il sindaco della città, Kazumi Matsui, ha inaugurato il discorso di commemorazione con l’invito ai leader del mondo ad impegnarsi maggiormente per un processo di pace che escluda la detenzione di armi atomiche, sollecitando il governo di Tokyo a firmare il trattato per la proibizione degli ordigni nucleari. Anche il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, ha sottolineato l’importanza di ”Un mondo senza armi nucleari”. L’impegno del Giappone – ha ribadito – è quello di eliminare queste armi di distruzione. La nazione, unico Paese a essere stato bombardato in guerra, è determinata a essere un mediatore tra i Paesi detentori di armi nucleari e non.

Leggi anche —> Domenico Modugno, 25 anni dalla morte: chi era il grande cantautore italiano

Domenico Modugno, 25 anni dalla morte: chi era il grande cantautore italiano

Domenico Modugno, “Volare”: come nacque la canzone “Nel blu dipinto di blu”