in

I 10 flop della Serie A del 2014: da Gomez a Guarin, passando per Livaja

E’ stato un anno avaro di soddisfazioni per il calcio italiano, con la nostra Serie A che non è riuscita ad imporsi nuovamente come campionato d’eccellenza ma anzi ha accolto calciatori che hanno più che altro deluso le aspettative di tutti, addetti ai lavori e non. Come di consueto, con l’anno che volge al termine, è il momento di stilare la classifica dei flop di questo 2014.

Andando con ordine, in casa Atalanta a deludere è stato certamente il croato Marko Livaja: doveva essere l’anno di consacrazione dell’ex giovane prodigio dell’Inter ma alla fine ha prevalso il carattere fumantino della punta che è emigrata in Russia. A Bologna, oltre che per la retrocessione, si sono mangiati le mani anche per Rolando Bianchi: l’ex ariete del Toro doveva essere chiamato a salvare i rossoblu ma alla fine ha segnato soltanto due reti in 26 presenze, finendo per essere una delle più grandi delusioni della disastrata stagione dei rossoblu. Parlando sempre di attaccanti, spostandosi un po’ più a sud una menzione “d’onore” va sicuramente fatta per Mario Gomez; l’attaccante della Fiorentina, tra infortuni e sfortuna è stata la grande delusione della Viola.

Rimanendo in Toscana, flop è stato anche Ishak Belfodil: l’attaccante di proprietà del Parma ha trascorso la prima metà dell’anno a Livorno senza lasciare il segno. Ha deluso, almeno nella prima parte del 2014, anche il giapponese del Milan Keisuke Honda è stato ben al di sotto delle aspettative; sulla sponda nerazzurri di Milano, il grande flop è stato Fredy Guarin, ancora alla ricerca dello smalto perduto. Tra le tante sorprese dei giallorossi di Rudi Garcia, c’è spazio anche per Adem Ljajic: il serbo non è mai riuscito ad imporsi con continuità; anche tra i campioni d’Italia della Juventus c’è chi ha brillato meno, è il caso di Angelo Ogbonna, erede destinato per la retroguardia bianconera ma che ha ancora molto da imparare dai più “grandi”. A Roma, sponda Lazio, il flop dell’anno è stato Felipe Anderson: il brasiliano non ha incantato e soltanto al termine della stagione ha mostrato a sprazzi la sua vera classe. Per concludere, tra la lista dei “peggiori” dell’anno c’è spazio anche per Riccardo Meggiorini: l’attaccante ha trascorso la prima metà di stagione al Torino prima di trasferirsi al Chievo; per lui molta corsa ma davvero pochissimi goal.

Anticipazioni Il segreto lunedì 29 Dicembre: Soledad metterà fine alla sua vita?

annullata la settima stagione

I Cesaroni 7 non andrà in onda: cancellata la settima stagione