in

I 100 migliori film stranieri della storia del cinema secondo la BBC: l’Italia presente con 12 capolavori!

BBC Culture, canale dedicato alla cultura della famosa azienda radio-televisiva del Regno Unito, è da qualche anno impegnato a stilare delle belle classifiche relative al mondo del cinema con la consulenza di esperti e critici.

leggi anche l’articolo —> Fellini e il vizio delle donne, Sandra Milo: «Era come un’ape che non trova il nettare e lo cerca altrove!»

Tre anni fa ad esempio era stata pubblicata la classifica dei “100 migliori film americani di sempre”. Al primo posto era stato scelto Quarto potere, capolavoro di Orson Welles, al secondo Il padrino di Francis Ford Coppola, al terzo La donna che visse due volte di Alfred Hitchcock. Negli anni a seguire fu la volta de: “I 100 migliori film del XXI Secolo”. Il podio questa volta era composto da Mulholland Drive di David Lynch, In the Mood for Love diretto da Wong Kar-wai; e Il Petroliere di Paul Thomas Anderson. Poi è toccato a “Le migliori 100 commedie di tutti i tempi”. In questo caso in cima: A qualcuno piace caldo di billy WilderIl dottor Stranamore di Stanley Kubrick e Io e Annie di Woody Allen.

Per realizzare l’ultima classifica uscita qualche giorno fa de “I 100 migliori film non in lingua della storia del cinema”, la BBC Culture si è avvalsa di 209 critici provenienti da 43 nazioni, per un totale di 41 lingue diverse, così da essere un sondaggio unico e imparziale. Nella lista finale ci sono 100 film di 67 registi diversi. Provenienti da 24 Paesi, in 19 lingue differenti. Diamo qualche dato: grande risultato per il cinema francese, che si piazza con 27 pellicole. A seguire c’è il mandarino e l’italiano con 12 e gli 11 film in giapponese. Nella classifica, con un solo film votato, si sono posizionati anche: il bielorusso (Va’ e vedi); il rumeno (4 mesi, 3 settimane e 2 giorni) e il wolof (Touki Bouki).

Le prime tre posizioni sono occupate da: I sette samurai di Akira KurosawaLadri di biciclette di Vittorio De Sica e Viaggio a Tokyo di Yasujirô Ozu. Gli altri film italiani premiati sono: 8 ½ Di Federico Fellini al settimo posto, La dolce vita sempre del regista riminese al decimo, La battaglia di Algeri di Gillo Pontecorvo al diciannovesimo, Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore al ventiseiesimo, Il Gattopardo di Luchino Visconti al trentacinquesimo, L’avventura di Michelangelo Antonioni al quarantacinquesimo, L’eclisse sempre di quest’ultimo al settantesimo, Il conformista di Bernardo Bertolucci al settantasettesimo, La strada di Federico Fellini all’ottantatreesimo, Umberto D di Vittorio De Sica al ottantacinquesimo e Le notti di Cabiria sempre di Fellini all’ottantasettesimo. Il regista più “premiato” degli italiani in questa hit parade è proprio il genio visionario Federico Fellini, di cui il 31 ottobre è ricorso l’anniversario dalla morte.

A seguire la classifica completa resa nota dalla BBC:

100. Landscape in the Mist (Theo Angelopoulos, 1988)
99. Ashes and Diamonds (Andrzej Wajda, 1958)
98. In the Heat of the Sun (Jiang Wen, 1994)
97. Taste of Cherry (Abbas Kiarostami, 1997)
96. Shoah (Claude Lanzmann, 1985)
95. Floating Clouds (Mikio Naruse, 1955)
94. Where Is the Friend’s Home? (Abbas Kiarostami, 1987)
93. Raise the Red Lantern (Zhang Yimou, 1991)
92. Scenes from a Marriage (Ingmar Bergman, 1973)
91. Rififi (Jules Dassin, 1955)
90. Hiroshima Mon Amour (Alain Resnais, 1959)
89. Wild Strawberries (Ingmar Bergman, 1957)
88. The Story of the Last Chrysanthemum (Kenji Mizoguchi, 1939)
87. The Nights of Cabiria (Federico Fellini, 1957)
86. La Jetée (Chris Marker, 1962)
85. Umberto D (Vittorio de Sica, 1952)
84. The Discreet Charm of the Bourgeoisie (Luis Buñuel, 1972)
83. La Strada (Federico Fellini, 1954)
82. Amélie (Jean-Pierre Jeunet, 2001)
81. Celine and Julie go Boating (Jacques Rivette, 1974)
80. The Young and the Damned (Luis Buñuel, 1950)
79. Ran (Akira Kurosawa, 1985)
78. Crouching Tiger, Hidden Dragon (Ang Lee, 2000)
77. The Conformist (Bernardo Bertolucci, 1970)
76. Y Tu Mamá También (Alfonso Cuarón, 2001)
75. Belle de Jour (Luis Buñuel, 1967)
74. Pierrot Le Fou (Jean-Luc Godard, 1965)
73. Man with a Movie Camera (Dziga Vertov, 1929)
72. Ikiru (Akira Kurosawa, 1952)
71. Happy Together (Wong Kar-wai, 1997)
70. L’Eclisse (Michelangelo Antonioni, 1962)
69. Amour (Michael Haneke, 2012)
68. Ugetsu (Kenji Mizoguchi, 1953)
67. The Exterminating Angel (Luis Buñuel, 1962)
66. Ali: Fear Eats the Soul (Rainer Werner Fassbinder, 1973)
65. Ordet (Carl Theodor Dreyer, 1955)
64. Three Colours: Blue (Krzysztof Kie?lowski, 1993)
63. Spring in a Small Town (Fei Mu, 1948)
62. Touki Bouki (Djibril Diop Mambéty, 1973)
61. Sansho the Bailiff (Kenji Mizoguchi, 1954)
60. Contempt (Jean-Luc Godard, 1963)
59. Come and See (Elem Klimov, 1985)
58. The Earrings of Madame de… (Max Ophüls, 1953)
57. Solaris (Andrei Tarkovsky, 1972)
56. Chungking Express (Wong Kar-wai, 1994)
55. Jules and Jim (François Truffaut, 1962)
54. Eat Drink Man Woman (Ang Lee, 1994)
53. Late Spring (Yasujirô Ozu, 1949)
52. Au Hasard Balthazar (Robert Bresson, 1966)
51. The Umbrellas of Cherbourg (Jacques Demy, 1964)
50. L’Atalante (Jean Vigo, 1934)
49. Stalker (Andrei Tarkovsky, 1979)
48. Viridiana (Luis Buñuel, 1961)
47. 4 Months, 3 Weeks and 2 Days (Cristian Mungiu, 2007)
46. Children of Paradise (Marcel Carné, 1945)
45. L’Avventura (Michelangelo Antonioni, 1960)
44. Cleo from 5 to 7 (Agnès Varda, 1962)
43. Beau Travail (Claire Denis, 1999)
42. City of God (Fernando Meirelles, Kátia Lund, 2002)
41. To Live (Zhang Yimou, 1994)
40. Andrei Rublev (Andrei Tarkovsky, 1966)
39.  Close-Up (Abbas Kiarostami, 1990)
38. A Brighter Summer Day (Edward Yang, 1991)
37. Spirited Away (Hayao Miyazaki, 2001)
36. La Grande Illusion (Jean Renoir, 1937)
35. The Leopard (Luchino Visconti, 1963)
34. Wings of Desire (Wim Wenders, 1987)
33. Playtime (Jacques Tati, 1967)
32. All About My Mother (Pedro Almodóvar, 1999)
31. The Lives of Others (Florian Henckel von Donnersmarck, 2006)
30. The Seventh Seal (Ingmar Bergman, 1957)
29. Oldboy (Park Chan-wook, 2003)
28. Fanny and Alexander (Ingmar Bergman, 1982)
27. The Spirit of the Beehive (Victor Erice, 1973)
26. Cinema Paradiso (Giuseppe Tornatore, 1988)
25. Yi Yi (Edward Yang, 2000)
24. Battleship Potemkin (Sergei M Eisenstein, 1925)
23. The Passion of Joan of Arc (Carl Theodor Dreyer, 1928)
22. Pan’s Labyrinth (Guillermo del Toro, 2006)
21. A Separation (Asghar Farhadi, 2011)
20. The Mirror (Andrei Tarkovsky, 1974)
19. The Battle of Algiers (Gillo Pontecorvo, 1966)
18. A City of Sadness (Hou Hsiao-hsien, 1989)
17. Aguirre, the Wrath of God (Werner Herzog, 1972)
16. Metropolis (Fritz Lang, 1927)
15. Pather Panchali (Satyajit Ray, 1955)
14. Jeanne Dielman, 23 Commerce Quay, 1080 Brussels (Chantal Akerman, 1975)
13. M (Fritz Lang, 1931)
12. Farewell My Concubine (Chen Kaige, 1993)
11. Breathless (Jean-Luc Godard, 1960)
10. La Dolce Vita (Federico Fellini, 1960)
9. In the Mood for Love (Wong Kar-wai, 2000)
8. The 400 Blows (François Truffaut, 1959)
7. 8 1/2 (Federico Fellini, 1963)
6. Persona (Ingmar Bergman, 1966)
5. The Rules of the Game (Jean Renoir, 1939)
4. Rashomon (Akira Kurosawa, 1950)
3. Tokyo Story (Yasujirô Ozu, 1953)
2. Bicycle Thieves (Vittorio de Sica, 1948)
1. Seven Samurai (Akira Kurosawa, 1954)

 

 

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Bonus Luce e Gas 2019 requisiti: come funziona e quanto si risparmia? Le info utili

Servizio Civile 2019: stipendio volontario, ecco quanto si guadagna (INFO UTILI)