in

I 21 ministri del Governo Letta: Alfano agli Interni e vicepremier

Sono 21 i Ministri del nuovo Governo italiano guidato da Enrico Letta e sostenuto da PD, Pdl e Scelta Civica. Il nome che spicca  e che donata l’effettiva natura politica dell’esecutivo è quello di Angelino Alfano, nominato Ministro dell’Interno e Vicepremier. Poi ci sono altri nomi importanti del Pdl, come Gaetano Quagliarello alle Riforme Istituzionali e Beatrice Lorenzin alla Salute. Una prima grande sorpresa è il primo Ministro di colore della storia d’Italia, la deputata Pd di origine congolese Cecile Kyenge, che sarà Ministro dell’Integrazione.

Angelino Alfano Vicepremier Letta

CHI E’ BEATRICE LORENZIN, NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE

Sorpresa anche agli Esteri, dove fin ad oggi si parlava di una poltrona per due tra Amato e D’Alema: il dicastero va invece ad Emma Bonino.  La poltrona più importante in questo momento, quella dell’economia, va invece ad un tecnico Fabrizio Saccomanni, ad oggi direttore generale della Banca d’Italia.

Alla Difesa è stato nominato Mario Mauro, parlamentare europeo e oggi senatore di Scelta Civica. Alla Giustizia, altra poltrona fondamentale negli equilibri della difficile alleanza tra PD e Pdl un’altra donna, Anna Maria Cancellieri, già Ministro dell’Interno nel Governo di Mario Monti.

Ecco invece a chi sono stati assegnati gli altri Ministeri: agli affari europei va Enzo Moavero (Scelta Civica, già tra i “saggi” nominati da Napolitano), gli Affari regionali Graziano Delrio, del PD, attuale presidente dell’Anci. Maurizio Lupi esponente dell’area ciellina del Pdl è Ministro alle Infrastrutture, mentre il presidente dell’Istat Enrico Giovannini  è il nuovo Ministro del Lavoro. Alla Coesione territoriale è stato nominato Carlo Trigilia, sociologo e professore a Firenze, mentre ai Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini.

Alle Pari opportunità va una donna e sportiva molto nota: si tratta infatti della campionessa olimpica Iosefa Idem, eletta nel Partito Democratico alle ultime elezioni. Altra donna neoeletta nel PD in un altro dicastero importante, quello dell’Università e Ricerca, Maria Chiara Carrozza, già rettore della Scuola Normale di Pisa.

Infine, ministro della Semplificazione sarà  Giampiero D’Alia, ministro dello sviluppo economico Zanonato, delle Politiche agricole Nunzia De Girolamo, Ministro dell’ambiente Andrea Orlando mentre Massimo Bray, deputato del PD, va ai Beni culturali

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

Un giorno in pretura su Rai 3 da stasera con 6 puntate sul caso Scazzi

A Torino sta per partire il “Digital Festival”