in

I 7 luoghi abbandonati più belli d’Italia

Il fascino del decadente attrae moltissime persone, esiste un vero e proprio culto per i paesaggi abbandonati e gli edifici in rovina. Nel bel paese sono molti i luoghi tornati nelle mani della natura, lontani dal mondo degli uomini. Ecco i 7 luoghi abbandonati più belli d’Italia.

Il Vallone dei Mulini: si tratta di una valle costiera nei pressi di Sorrento. L’origine del suo nome è da ricondurre al mulino utilizzato nel passato per macinare il grano. Tutto il complesso venne abbandonato dopo la caduta del ponte che univa Sorrento e il resto della costiera agli inizi del ‘900.

Craco: questo comune situato nella provincia di Matera, in Basilicata, conta 762 abitanti. Attorno agli anni ’60 il suo centro storico venne evacuato e da allora è un’ambita meta turistica. Sono stati girati film come Basilicata coast to coast di Rocco Papaleo e La Lupa di Alberto Lattuada.

Fabbriche di Careggine: si trova nel bacino artificiale del Lago di Vagli, a Lucca, creato da una grande diga. Il luogo è scomparso poiché sommerso dalle acque: i lavori della diga, infatti, terminarono nel lontano 1948 e occasionalmente, quando viene chiusa, la piccola città risorge dalle acque.

Abbazia di San Galgano: è un monastero cistercense a circa trenta chilometri da Siena, nel Comune di Chiusdino. Il sito è completamente in rovina da molti secoli a causa della peste e del brigantaggio. Fino al 1789 venne utilizzata come fonderia fino alla sua sconsacrazione e abbandono da parte della chiesa.

Pentedattilo: è una frazione del comune di Melito Porto Salvo a Reggio Calabria. Verso la metà degli anni ’70 venne completamente abbandonato, mentre dagli anni ’80 sta vivendo un periodo di rinascita e interesse soprattutto da parte di alcune associazioni.

Rocca Calascio: situata nel Parco del Gran Sasso, in Abruzzo, provincia de l’Aquila vi è stato girato il famoso film con Rutger Hauer Lady Hawk. Dopo il violento terremoto del 1703 la parte più alta del borgo venne abbandonata, in seguito anche il resto della popolazione lasciò il complesso.

Curon: questa città sommersa si trova nel bacino artificiale del Lago di Resia della Val Venosta, posto a 1498 metri d’altitudine. Nel 1950 venne costruita una diga e i tre bacini dei laghi di Resia, Curon e San Valentino vennero completamente sommersi.

Photo Credit: Dianacity.com

Pensioni 2017, pensioni anticipate, Cesare damiano lancia un appello a Matteo Renzi e a Paolo Gentiloni

Riforma pensioni 2016 ultime novità: pensione anticipata e flessibilità, Cesare Damiano insiste che il Def le preveda

federica guidi interrogata dai pm

Federica Guidi dimissioni: la scelta del Ministro in una lettera al Premier