in ,

I Balcani sommersi dalle piogge torrenziali: aiuti umanitari anche dall’Italia

I Balcani sono sommersi dalle piogge torrenziali che si sono abbattute, in particolare, su Serbia, Bosnia e Croazia negli ultimi due giorni. Intere regioni specie della Serbia centrale sono letteralmente sott’acqua. 27 le vittime accertate, ma il bilancio è destinato ad aumentare, si teme che il ritirarsi delle acque farà riemergere altri cadaveri. Le situazioni più gravi si sono registrate lungo il fiume Sava a sud ovest di Belgrado, a Obrenovac e Baric, dove sono stati sfollati tutti gli abitanti.

fiume in piena in Serbia

A Belgrado si attende la piena del fiume Sava i cui argini sono stati rafforzati con centinaia di sacchi di sabbia. Preoccupano anche i fiumi Kolubara, Drina, Danubio, il cui picco è atteso nelle prossime ore. Le persone evacuate sono circa 20.000. L’intero Paese si è mobilitato, in prima linea l’esercito, appoggiato da elicotteri e migliaia di volontari, in soccorso delle popolazioni così duramente colpite.

Anche l’Italia ha annunciato aiuti che si vanno a sommare a quelli disposti da altri paesi dell’Ue. La Farnesina ha annunciato l’invio di di mezzi per i soccorsi e aiuti umanitari per 200 mila euro alla Serbia e 100 mila alla Bosnia. Nelle zone alluvionate manca cibo, acqua potabile, farmaci, materassi, coperte e articoli di igiene personale. In alcune zone manca pure l’elettricità. La situazione è critica a Brod e Bosanski Samac, ma anche nelle città di Doboj, Maglaj e Brcko, in Bosnia ed Erzegovina, dove le piogge hanno causato diverse frane. Bijeljina, nel nord del Paese, è quasi completamente sommersa e sono iniziate le procedure per evacuare 10mila persone. Dai quotidiani serbi arrivano critiche durissime nei confronti dei meteorologi per non avere lanciato l’allarme in tempo dell’arrivo delle violente precipitazioni.

Amici 13

Amici 13 diretta 17 maggio: Al Bano dice che Deborah “è la voce” (video)

Amici 13

Amici 13, diretta 17 maggio: le lacrime della Ferilli sulla coreografia di Christian