in

I pericoli della carta termica

La carta termica è il substrato predominante delle ricevute cartacee. Il materiale contiene bisfenolo A (BPA), per cui alcuni studi suggeriscono che l’agente chimico agisca come un perturbatore endocrino nel corpo umano, alterando l’equilibrio ormonale, con una attività di estrogeno naturale.

Shelley Ehrlich, dal Centro Medico dell’Ospedale Pediatrico di Cincinnati (Ohio, USA) e colleghi hanno arruolato 24 studenti universitari e personale universitario, dai 18 anni in su, non in stato di gravidanza, in uno studio che ha esposto i soggetti a ricevute cartacee per 2 ore quotidiane a mani nude. La maggior parte delle urine dei soggetti ha mostrato piccoli, ma misurabili quantità di BPA, prima dell’inizio dell’esperimento.

I ricercatori hanno osservato che le concentrazioni di BPA sono aumentate post-esposizioni, di un importo pari a circa un quarto di quello che ci si aspetterebbe dal mangiare zuppe e cibi in scatola (i cibi in scatola contengono spesso BPA nei loro rivestimenti). Dopo una settimana, i soggetti cui è stato chiesto di indossare guanti per la gestione delle ricevute, non hanno invece avuto aumenti significativi BPA urinario.

I ricercatori hanno concluso affermando che “Una fonte finora poco studiata di BPA, è la carta termica per ricevute, gestita quotidianamente da molte persone in supermercati, attività commerciali, stazioni di servizio…E’ necessario fare attenzione, perchè essa aumenta in modo significativo l’esposizione al BPA, dannoso per la salute”.

Effettua il Questionario Salute. Gratis!

Written by Monia Trentarossi

36 anni, Amministratore di AntiAging Club, il primo sito dedicato all'AntiAging, in partnership con AMIA, Associazione Italiana Medici AntiAging. Consulenza medica specialistica e vendita online di prodotti Antiaging delle migliori marche.
Vive a Milano, appassionata di viaggi in giro per il mondo, sport (fitness, vela, sci...) cinema e buone letture. Per UrbanPost scrive di Benessere.

Offerta di lavoro Ikon

Azienda veneta assume 10 agenti: in 7 mesi solo 2 candidati

marito uccide moglie

[fém-mi-na]: inaugura il 29 marzo 2014 nel Padovano un progetto fotografico sul mondo femminile