in ,

I personaggi più sfigati delle serie tv, The Vampire Diaries: Alaric e il bourbon

Quando si tratta di The Vampire Diaries e si parla di sfiga, non è facile scegliere soltanto un personaggio. Abbiamo già parlato di Matt Donovan, il cui scopo è quello di accompagnare i compagni di avventura verso una scena gloriosa, per poi rimanere in disparte. L’appuntamento odierno della nostra rubrica, invece, si concentra su un uomo che non è fortunato in amore e, sono pronta a scommetterlo, nemmeno nel gioco: Alaric Saltzman. E pensare che voleva dare la caccia ai vampiri: il professore di The Vampire Diaries è finito per diventare il compagno di una vampira che in realtà pensa ancora ad un altro.

Andiamo con ordine: quando Alaric giunge a Mystic Falls, il suo obiettivo è quello di sterminare i vampiri, perché sa che sua moglie è morta per mano loro. In effetti, ha sempre avuto ragione, peccato che finisce con l’ubriacarsi insieme a colui che ha fatto del male alla sua amata: il buon vecchio Damon Salvatore. Non solo, Alaric è talmente determinato a volere uccidere il vampiro che rischia la sua stessa vita pur di portarlo in salvo. Questo capita quando ormai la loro amicizia è uno dei legami più forti e piacevoli che muovono le fila di The Vampire Diaries. Se per quel che riguarda l’amicizia, tra alti e bassi, non può lamentarsi, è meglio che Alaric stenda un velo pietoso sulla sua vita amorosa.

Situazione sentimentale: bourbon. Non potrebbe essere altrimenti, visto il corso della sua storia. Dopo aver messo da parte il dolore per la moglie, Alaric inizia a frequentare la zia di Elena. Inutile dire che anche Jenna ci lascia le penne. Poco più avanti arriva Jo: bellissima, mora, con i suoi occhi azzurri folgora Alaric. Proprio mentre sono sul punto di pronunciare il fatidico sì, il matrimonio si trasforma in una carneficina in stile Game Of Thrones. Alaric perde Jo e anche le due bambine che portava in grembo. Ma, visto che il no sense è ormai di casa in The Vampire Diaries, sarà Caroline a partorire le gemelle di Alaric. Poteva filare tutto liscio? Ovviamente no: Caroline torna insieme a Stefan che, ovviamente, pretende di essere amico del buon professore.

Mostra del Cinema di Venezia 2016

Une vie, Stéphane Brizé: recensione del film a Venezia 73

american cookbook

American Anarchist, Venezia 73, recensione: intelligenza contro il “giustizialismo” alla Micheal Moore