in

I Radicali hanno depositato 5 nuovi Referendum

“Mentre la politica è immobile e paralizzata, noi ci muoviamo. Praticando e attivando la vita democratica di un Paese che non ha mai avuto riforme vere se non quelle che il popolo italiano ha imposto con i referendum”.

Così i Radicali promuovono su Facebook la loro ultima iniziativa: #LiSostengo. Mentre annunciano che sono state depositate 5 proposte referendarie: abolizione finanziamento pubblico ai partiti; libertà di scelta nella destinazione dell’8 per mille; disciplina del soggiorno degli stranieri non appartenenti a Ue e contrasto della precarietà dei lavoratori migranti; decarcerizzazione delle violazioni per fatti di lieve entità della normativa sugli stupefacenti; riduzione carico giudiziario e sociale connesso alla durata dei procedimenti di divorzio.

Radicali Italiani

Sono in arrivo anche altre proposte di legge d’iniziativa popolare tra cui la riforma elettorale uninominale maggioritaria, coltivazione della cannabis e legalizzazione, abolizione del quorum referendum e separazione tra banche e fondazioni.

“Il 10 aprile 2013 – si legge sul sito www.lisostengo.it -, su iniziativa di Radicali italiani, sono stati depositati in Cassazione sei quesiti referendari. Riguardano temi in gran parte cancellati dall’agenda della politica e vanno in due direzioni: una riforma dello Stato che metta al centro la persona anziché i partiti e gli apparati di ogni sorta; il superamento di quelle leggi proibizioniste e criminogene che, criminalizzando fenomeni sociali come l’immigrazione e il consumo di stupefacenti, soffocano il sistema giustizia, fanno esplodere le carceri, violano diritti umani e ci costano miliardi di euro. In queste settimane, prima di partire con la raccolta delle 500 mila firme necessarie, vogliamo allargare il fronte dei promotori alle forze sociali, politiche, ai cittadini e abbiamo bisogno di organizzarci per superare i tanti ostacoli che vengono posti a chi vuole praticare la democrazia diretta. Preannuncia il tuo sostegno scegliendo i referendum per i quali sei disposto ad impegnarti”.

L’intenzione dei Radicali, secondo quanto si può leggere in un’intervista del segretario Mario Staderini sul sito dei Radicali, è quella di “riformare lo Stato, facendo guadagnare alla comunità almeno 15 miliardi tra minori spese e nuove entrate. In un momento di crisi come questo, la democrazia va radicata con nuove idee”.

Written by Enzo Ranaudo

Campano, irpino. Laureato in Scienze della Comunicazione. Appassionato di musica e di calcio ed attento osservatore dello scenario politico e delle dinamiche sociali. Da anni collaboratore di numerose testate on-line e diversi quotidiani

Rockmelt, il sito che rivoluziona il web

Stallo politico, roba da cinematografo