in

Ictus ischemico, terapia a base di staminali: iniezioni nel cervello per recuperare le funzioni perse

Recuperare i danni dell’ictus ischemico grazie alle cellule staminali: è quanto messo in pratica nella sperimentazione di un gruppo di ricercatori della Stanford University che, grazie ad iniezioni mirate nelle aree del cervello danneggiate, ha ottenuto risultati entusiasmanti.

Una cura per l’ictus “a base” di cellule staminali, è quanto messo in pratica da una sperimentazione fatta da un team di ricercatori della Stanford University: più precisamente, lo studio pilota è stato eseguito su 18 persone colpite da ictus un anno prima e che avevano riportato considerevoli danni alle funzioni motorie. Ma come funziona la terapia? La sperimentazione prevede l’utilizzo di cellule staminali di donatori che, modificate in laboratorio, vengono iniettate direttamente nel cervello tramite un forellino alla testa.

“Pazienti che non potevano muovere le dita hanno ricominciato a farlo e pazienti che erano sulla sedia a rotelle ora possono camminare. Questo nostro primo studio ha seguito ogni partecipante al test per due anni dopo l’impianto di staminali. Gli effetti appaiono stabili, anche se non possiamo ancora stabilire con certezza che dureranno nel tempo. Ora stiamo per avviare un’altra ricerca con criteri simili e seguiremo i pazienti per un anno” ha spiegato Steinberg, autore della ricerca. Nonostante i risultati ottenuti, gli esperti sono ancora molto cauti: “Certamente non si tratta di guarigione, ma di un parziale recupero delle funzioni neurologiche perse in conseguenza dell’ischemia cerebrale. Tuttavia è fondamentale ricordare che si tratta di uno studio preliminare su un piccolo gruppo di pazienti, il cui obiettivo principale era quello di dimostrare che questo approccio è sicuro; i benefici ma anche la sicurezza a lungo termine potranno essere confermati solo da studi più ampi”  ha affermato su Repubblica Vincenzo Di Lazzaro, Ordinario di Neurologia all’Università Campus Bio-Medico di Roma.

(Foto: sfam_photo/Shutterstock)

Sistema salvavita Beghelli

Sistemi salvavita per anziani che vivono da soli

omicidio della magliana news testimone

Omicidio Sara Di Pietrantonio: Vincenzo Paduano aveva già aggredito la ragazza a Maggio