in

Ictus sintomi: 7 segnali da non trascurare

L’Ictus, conosciuto anche come colpo apoplettico, è una condizione patologica molto grave che avviene quando l’apporto di sangue diretto al cervello viene interrotto o si riduce drasticamente. Il tessuto cerebrale, infatti, senza il sangue non può rifornirsi di nutrienti e ossigeno e va in contro alla morte.

L’insorgenza dell’Ictus è di solito improvvisa e richiede sempre un immediato intervento al fine di ridurre i danni che comporta. L’incidenza di questa grave patologia cerebrale in Italia è di 200 mila persone per anno: l’80% di questi episodi sono nuovi, mentre il restante 20% è una ricaduta. È la terza causa di morte dopo l’infarto e il cancro. Gli anziani sembrano essere i soggetti a maggior rischio, infatti, nel 75% dei casi l’Ictus compare in pazienti dai 65 anni in poi e si riscontra di più in persone asiatiche, africane e caraibiche.

Ci sono però sette segnali importanti da prendere in considerazione nel caso sospettassimo di essere a rischio Ictus. I sintomi da non prendere sotto gamba sono i seguenti: vedere doppio o sfocato, perdere la vista da un occhio, emicrania, difficoltà nell’esprimere concetti o pensare alle parole adatte da dire, braccia o gambe intorpiditi o deboli, camminare barcollando e difficoltà nel parlare.

Photo Credit: Gleb Stock/Shutterstock.com

pisa attore strangolato news

Pisa, attore strangolato sul set: peggiorano condizioni, gravi danni cerebrali

Flavio Insinna Striscia

Flavio Insinna dona la sua barca a Medici Senza Frontiere