in ,

Ignazio Marino pressing dimissioni: pronta mozione di sfiducia del Pd

Sono ore cruciali queste per il sindaco di Roma, Ignazio Marino, chiuso in Campidoglio da ore con la sua giunta riunita dopo l’ennesimo scandalo ‘spese pazze’ (certificate da scontrini-scandalo per pranzi e cene in locali di alto livello pagati con soldi pubblici) che l’ha travolto e potrebbe condurlo, volente o nolente, a rimettere il mandato conferitogli dagli elettori nel giugno 2013.

Marino resiste, ma il Pd continua il suo pressing per spingerlo a rassegnare le dimissioni attese per le 16 di oggi ma evidentemente sfumate. Il primo cittadino della Capitale, qualora decidesse di non lasciare l’incarico, sarà sfiduciato dai suoi. È infatti di queste ore la notizia secondo cui i vertici del Partito Democratico e di Sel starebbero valutando la possibilità di presentare una mozione di sfiducia nei suoi confronti.

Intanto sono già cosa fatta le dimissioni del vicesindaco Marco Causi e dell’assessore ai Trasporti Stefano Esposito e di quello al Turismo, Luigina Di Liegro. “Sarebbe ora che finisse questa pantomima, che sta gettando nel ridicolo la Capitale”, così Maurizio Gasparri di Forza Italia ai microfoni di Barbara D’Urso a Pomeriggio 5.

il ponte delle spie film, il ponte delle spie quando esce, il ponte delle spie trailer, il ponte delle spie trama, il ponte delle spie uscita

Il ponte delle spie: Steven Spielberg e Tom Hanks dal 17 dicembre al cinema

fiaba cappuccetto rosso

Cappuccetto Rosso, la fiaba presto potrebbe essere bandita dalle scuole francesi