in ,

IgNObel 2013, i premi più assurdi della scienza mondiale

Un riconoscimento simpatico agli scienziati più bizzarri che involontariamente hanno realizzato cose folli. Gli IgNObel sono stati Creati nel 1991 dalla rivista “Annali delle ricerche improbabili”. Ed ogni anno vengono consegnati da autentici Premi Nobel con una cerimonia all’università di Harvard.

Tra scherzi e risate ecco com’è andata a finire:
Il premio per la fisica è stato consegnato ad un team di ricercatori composto in parte anche da italiani: Alberto Minetti, Nadia Dominici, Francesco Lacquaniti e Germana Cappellini. Hanno scoperto che le persone sarebbero in grado di correre sulla superficie di un lago, ma solo se si trovassero sulla Luna.

Per la biologia e l’astronomia è andato ad un team internazionale: Svezia, Australia, Germania e Regno Unito, la scoperta è stata davvero interessante. Gli scarabei perdono la strada ma riescono tranquillamente a tornare a casa guardando la Via Lattea.

Per il premio di ingegneria di sicurezza, un ricercatore americano, Gustavo Pizzo, ha inventato un sistema per intrappolare gli aspiranti dirottatori aerei, come? Chiudendoli in un pacchetto e paracadutarli direttamente nelle mani della polizia.
Ig-Nobel_


Uno studio folle sulle probabilità condotto da un team di Gran Bretagna, Olanda e Canada, ha stabilito che quanto più tempo impiega una mucca a sdraiarsi, tanto è più probabile che si alzerà rapidamente in piedi; ma hanno anche scoperto che una volta che la mucca si alza, è altamente improbabile poter prevedere quando si sdraierà di nuovo.

Premio di psicologia. quest’anno è andato a uno studio francese riguardante gli ubriachi, confermando che chi beve troppo è sinceramente convinto di essere più attraente.

Anche un premio per la medicina, ad uno studio che ha valutato l’effetto della musica classica su pazienti sottoposti a trapianto di cuore, ma si tratta di topi.

Tutti i premiati hanno a disposizione 60 secondi di tempo per ringraziare la giuria.

Seguici sul nostro canale Telegram

Incomincia la scuola: ma i bambini si stressano nell’acquisto dello zaino

Nasce Supermarket per disoccupati: spesa gratis in cambio di ore di lavoro