in ,

Ikea sciopero nazionale 11 luglio, l’azienda precisa: “I punti vendita rimarranno aperti”

Dopo quella di sabato 6 giugno, continua la mobilitazione dei lavoratori Ikea. Lo sciopero nazionale indetto dai sindacati per oggi, sabato 11 luglio, porta avanti la trattativa con i dirigenti della multinazionale svedese in merito al rinnovo del contratto integrativo dei dipendenti.

“L’azienda vuole abbassare il salario certo che oggi percepiscono i lavoratori e poi vuole ridurre il costo del lavoro domenicale e festivo, con la diminuzione delle maggiorazioni, ma obbligando comunque i lavoratori a prestare la loro opera in quei giorni”, accusano Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, giudicando “inaccettabili” le condizioni avanzate dalla multinazionale dei mobili low cost.

Nonostante lo ‘stop’, che sarà caratterizzato da presidi e manifestazioni nelle principali città, l’Ikea intende tuttavia garantire un servizio efficiente ai consumatori e in un comunicato fa sapere che oggi tutti i punti vendita d’Italia rimarranno aperti al pubblico. “Ikea vuole giungere alla stipula di un contratto integrativo innovativo e sostenibile, ma l’Italia del 2015 non è più quella del 2000 quando vide la luce l’attuale integrativo” – si legge nella nota diffusa ieri dall’Ansa – “Ora ne serve uno nuovo per rendere Ikea più solida ed equa, aprire nuovi negozi e creare nuovi posti di lavoro”.

Bastian Schweinsteiger Manchester United Calciomercato

Calciomercato estero, Manchester United: Schweinsteiger ad un passo

porto cervo fashion week 2015, look chiara biasi, philippe plein

Porto Cervo Fashion Week 2015, il total look di Chiara Biasi firmato Philippe Plein