in

Il cervello dice “ops”: riconosce un errore e ci corregge

Il nostro cervello sa riconoscere perfettamente un errore. Accade tutto in pochi istanti: se sbagliamo, un’onda effimera corre brevemente nel cervello che, registrato l’errore, ci lancia un segnale nervoso inducendoci a tornare sui nostri passi per autocorreggerci, in virtù di un circuito neurale che gli studiosi hanno definito “ops”.sbagliare

E’ questa la scoperta che arriva dopo 8 anni di studi condotti dai ricercatori del Riken-Mit Center for Neural Circuit Genetics in Giappone insieme a colleghi del MIT di Boston, pubblicata nella rivista Cell. I test sono stati condotti su topi da laboratorio, addestrati a muoversi in un labirinto a forma di ‘T’. Gli scienziati hanno riscontrato che il cervello degli animali, ogni volta che nel percorrerlo sbagliavano direzione, registrava un fascio di onde gamma che come un “ops” segnalava il loro errore, inducendoli a correggerlo. I ricercatori hanno poi dimostrato che, modificando geneticamente i topi per impedire loro di produrre onde gamma, gli stessi non erano più in grado di riconoscere i propri errori dentro il labirinto.

Lo studio ha reso evidente come gli animali agiscano con piena consapevolezza delle proprie scelte, per la prontezza dimostrata nel correggere gli errori commessi. La ricerca, coordinata dal premio Nobel per la Medicina Susumu Tonegawa, ha fatto luce su un aspetto finora poco chiaro, relativo a ciò che accade nella mente quando commettiamo un errore. Un passo avanti che giunge dopo 20 anni di ipotesi su come le aree cerebrali comunicano fra loro.

portiere cile

Storie Mondiali: il portiere cileno in libertà vigilata

velocità

Autovelox: Malpensa, Lecce e gli stili diversi