in ,

Il coaching sportivo: una realtà tutta da scoprire con Stefano Pigolotti

Il coaching, lo sappiamo, è una metodologia alla quale ricorre chi vuole raggiungere un obiettivo o superare un ostacolo. La figura professionale alla quale ci si rivolge è il coach, che fornisce un supporto al cliente nella realizzazione di quel determinato scopo. Questo tipo di attività si ramifica e suddivide a seconda del campo in cui il coach opera. Possiamo individuare tre macro-aree: personale, professionale o sportiva. Soffermandosi su quest’ultima, troviamo l’attività di sport coaching, ancora spesso confusa con qualcosa che si focalizza strettamente sul lato fisico. Stefano Pigolotti, mental coach iscritto al registro nazionale dei coach professionisti, racconta nel blog di crescita personale del suo sito come spesso la figura dello sport coach venga associata erroneamente con quella del personal trainer. I due ruoli sono al più complementari, ma se il personal trainer si occupa della preparazione atletica, fisica, del soggetto, lo sport coach è invece focalizzato sul lato psicologico, mentale.

Stefano Pigolotti e l’importanza dello sport coach

Stefano Pigolotti, formatore e coach di alcuni piloti e di un team di Moto 3 durante l’ultimo Motomondiale, ha dimostrato il ruolo fondamentale che la sua attività di sport coaching ha per coloro che devono sostenere una gara importante. Nel suo blog di crescita personale, affronta i tre concetti fondamentali che uno sport coach deve trasmettere: conoscere se stessi, gestire le emozioni e sviluppare la resilienza. Il primo passo da fare, quindi, è riconoscere e accettare pregi e difetti personali. Per agevolare questa presa di coscienza, Stefano Pigolotti utilizza lo Structogram. Si tratta di uno strumento che, in maniera scientifica, riesce a delineare la nostra personalità e spiegarci il perché dei nostri comportamenti. In secondo luogo, è basilare saper manovrare e controllare le proprie emozioni, specialmente quando è necessario dover fronteggiare situazioni che generano stress, ansia, rabbia e così via. Infine, la resilienza, la capacità di reagire in modo positivo alle avversità, di rialzarsi rinnovati e più forti. Con questi presupposti, il debuttante al Motomondiale al quale Stefano Pigolotti ha fatto da sport coach, Jaume Masià, ha ottenuto un ottimo risultato, partendo dalla venticinquesima posizione e guadagnando il quinto posto.

Skills Empowerment e In the Box: insieme per supportare atleti e allenatori

Stefano Pigolotti ha creato un nuovo modello formativo basato sulla personalizzazione dei percorsi evolutivi, chiamato Skills Empowerment, e ha recentemente pubblicato un libro di crescita personale intitolato Il tuo destino è sbocciare, sulla consapevolezza di sé e la forza interiore. In collaborazione con In The Box, una società di servizi che vuol generare nuove opportunità e rendere un servizio a 360° alle figure del mondo sportivo, proprio Skills Empowerment propone percorsi evolutivi di Mental Coach Sportivo ad atleti e allenatori. Dal lato degli atleti viene offerto supporto per l’identificazione delle attitudini e il potenziamento dei punti di forza, con il fine di raggiungere determinati obiettivi e migliorare le performance. Dall’altra parte, per allenatori e staff, viene creato un percorso che aiuti ad ottimizzare la comunicazione interna e con gli atleti, mantenere alta la motivazione degli stessi, gestire il rapporto con i genitori e aiutare gli atleti a superare le avversità e fare scelte consapevoli.

Rocco Siffredi, il figlio Leonardo: “Pensavo fosse un cartone e invece…”, così ha scoperto il lavoro di papà

Ultimi sondaggi elettorali, Europee: percentuali dei partiti al 1° marzo 2019