in

Il “finto topless” di Miley Cyrus: la sua trasgressione è inarrestabile

È oramai inarrestabile e incorreggibile la tendenza dell’ex icona di Disney Channel, Miley Cyrus, a far parlare di sé con uno scandalo dopo l’altro e una trasgressione dopo l’altra; la novità del giorno è stata quella di indossare una maglietta che raffigurava esplicitamente un topless – il suo? –  per recarsi all’Art Basel di Miami. Che fosse un omaggio personalizzato all’arte?

Rispetto agli autfit striminziti” con cui abbiamo imparato a conoscerla – si pensi alla sua performance ai MTV VMA 2013 e il video musicale come “Wrecking Ball”- in quest’occasione la Cyrus era vestita ed era decisamente più coperta, tuttavia, non ha comunque rinunciato a far scalpore, indossando una maglietta che richiamava, non a caso, propri quei look a lei cari.

Non soddisfatta, ha postato oggi sul suo profilo Instagram una serie di foto, che la ritraggono con un look decisamente più trasgressivo (parrucca platino, tutina bianca semi trasparente) che non lascia proprio spazio all’immaginazione. Negativi o positivi che siano i commenti su di lei, poco importa comunque; quel che è certo è che la cantante americana ha fatto suo il detto “Nel bene o nel male purché se ne parli”.

Assunzioni di lavoro trenitalia novembre 2017

Ferrovie dello Stato assunzioni dicembre 2014: ecco le ultime offerte

Salvatore Buzzi la sua segretaria collabora con i magistrati e confessa di aver preparato personalmente le tangenti per i politici

Mafia Roma, la segretaria di Salvatore Buzzi rompe il silenzio: “Preparavo le buste per i politici”