in ,

Il Guardian classifica le città più “cool” e Milano si piazza…

24esima. Secondo il Guardian, Milano è la 24 città più cool del mondo. E questa è la motivazione che accompagna il piazzamento in classifica:

“Un’economia abbastanza forte (uno dei pochi posti in Italia dove le cose vanno bene), moda, possibilità di shopping ad alto livello e tante cose da fare sono i punti di forza di Milano; le debolezze, invece, sono statistiche non ideali sulla sicurezza, il clima e una deludente mancanza di ‘fervore'”.

Gli amici inglesi si sono dimenticati (tra le altre cose) della cucina. Voi vi ci ritrovate nella descrizione? Volete sapere il resto della classifica? Di certo rimarrete stupiti.

maratona new york alex zanardi

Sotto Milano c’è Berlino, finita 25esima. E già qui potrebbero iniziare le polemiche perchè appena sopra il capoluogo lombardo ci sono 23) Melbourne, 22) Atlanta, 21) Mecca. Esatto proprio La Mecca, la città sacra dei musulmani. 20) San Paolo, 19) Mumbai, 18) Buenos Aires. Fermiamoci un attimo. Milano ha perso punti per la sicurezza: vogliamo parlare del clima di pace e armonia che si respira nei barrios di Buenos Aires? Oppure… girereste a piedi di sera per Città del Messico (17)?. Andiamo avanti: 16) Sydney, 15) Bangkok, 14) Singapore, 13) Chicago. E abbiamo detto tutto. 12) Madrid, 11) Istanbul. E passiamo ora alla top 10, perchè le sorprese non sono finite.

 

10) Dubai, 9) Las Vegas. Che Las Vegas sia “cool” non ci sono dubbi, ma non sapevamo che avesse negozi, atmosfera e sicurezza tanto migliori della nostra Milano! 8) San Francisco, 7) Rio de Janeiro, altro posticino tranquillo, 6) Barcelona. Pronti per la top 5? 5) Seul, 4) Parigi, 3) Londra, 2) New York e 1) …Los Angeles. Delusi? Non siete gli unici. Al di là della scelta di Los Angeles, ci sembra che il Guardian abbia pescato le città dal sacchetto della tombola di Natale. E Roma deve essere finita sotto il tavolo. Ma tant’è.

 

La Sada Bike, bicicletta innovativa che si chiude come un ombrello

carcere Pagliarelli di Palermo

Palermo: evade dal carcere appeso ad una fune di lenzuola annodate, come in un film