in

Il kit di pronto intervento da mettere in valigia per le vacanze

Quando prepariamo la valigia per le vacanze, cerchiamo sempre di metterci l’essenziale. Anche se, a volte, classifichiamo con questo aggettivo il nostro pigiama preferito o un secondo paia di scarpe che proprio non possiamo lasciare a casa.

 valig

E finiamo per trascurare i farmaci e i medicinali di primo soccorso, che di essenziale hanno davvero tanto, perché potrebbero salvarci da spiacevoli fastidi durante la già sempre più breve e costosa vacanza. Basta infatti una puntura d’insetto, un trauma per una caduta, una cena un po’ troppo abbondante o una esposizione prolungata al sole, per rovinarci inesorabilmente le agognate ferie.

Meglio, allora, ricorrere ad una bella nota con l’elenco delle medicine da mettere dentro una comoda borsetta e infilare il tutto in valigia. Ad aiutarci c’è l’ANIFA, l’Associazione Nazionale dell’Industria Farmaceutica di Automedicazione, che ha stilato una lista di tutti i farmaci essenziali e quelli di automedicazione che non dovrebbero mai mancare quando partiamo per le vacanze o per un viaggio di diversi giorni. Vediamoli.

– Tra tutti spiccano gli antibiotici. Meglio, però, quelli a largo spettro e che, magari, abbiamo già usato. In questo modo riusciamo a tutelarci da infezioni varie.

– Scottature, punture di insetti, irritazioni della pelle, lesioni da meduse. Nella borsetta non dovrebbero mai mancare lozioni emollienti per la pelle, creme dopo sole, pomate (anche antibiotiche), spray anti scottature,  stick per le punture di insetti e o per le meduse.

 puntura zanzara

Antinfiammatori, analgesici, antipiretici (come la nostra amica Aspirina) e disinfettanti per la gola o prodotti decongestionanti delle prime vie respiratorie sono molto importanti in caso di contusioni, traumi da caduta o da strappo, mal di testa, nevralgie da bruschi sbalzi di temperatura (vedi: uso di condizionatori o falò notturni sulla spiaggia umida) ma anche improvvisi mal di denti, febbri estive,  febbri da insolazione, da indigestione o da punture di insetti ed altri animali.

– E, a proposito di indigestione, mettiamo in borsa anche farmaci per la cattiva digestione o per antipatici problemi legati a diarree, coliti, mal di pancia, etc… ma anche quelli per l’intestino pigro o contro il mal di macchina, aereo o nave. Questi farmaci sono importanti perché spesso in vacanza si cambiano abitudini alimentari, per non parlare delle condizioni igieniche alimentari, spesso precarie, quando si va in alcune località all’estero. Ovviamente, in caso di infezioni intestinali, insieme a questi farmaci, vanno usati soprattutto i già menzionati antibiotici.

kit primo soccorso

–  Non devono assolutamente mancare, disinfettanti, acqua ossigenata, cerotti piccoli e grandi, garze sterili, ovatta, ghiaccio sintetico o spray contro le contusioni, il termometro, un laccio emostatico e un paio di forbici con la punta arrotondata.

– Prodotti per il jet lag (o mal di fuso) ovvero per ristabilire i ritmi circadiani che vengono alterati quando viaggiamo per parecchio tempo in aereo e ci ritroviamo in paesi con un fuso orario abbastanza diverso dal nostro. Arrivati a destinazione, infatti, potremmo sentirci assonnati, pigri, stanchi o confusi. Basta un po’ di melatonina o medicinali simili per riacquistare i normali equilibri.

Diverso è il discorso da fare per le medicine che si assumono quotidianamente, come quelle per combattere determinate patologie o le medicine salva-vita. È sempre meglio portarsi una confezione in più, soprattutto se ci troviamo all’estero. In ogni caso, portiamo con noi anche la ricetta del medico.

sanità viaggi estero

Infine, le ultime raccomandazioni riguardano coloro che si spostano all’estero. Informatevi soprattutto sulla profilassi da mantenere, sulle vaccinazioni obbligatorie e sulle indicazioni sanitarie da tenere presenti nei paesi scelti come meta turistica. Così come, è importante portare con sé una breve relazione scritta in lingua inglese sulla vostra condizione di salute, sul gruppo sanguigno, sulle patologie serie di cui avete sofferto o di cui soffrite (diabete, malattie cardiache, etc…) su ciò a cui siete allergici (cibi, medicinali e altre sostanze) e sui medicinali usati per curarvi.

Verificare anche la necessità di sottoscrivere una assicurazione sanitaria. Solitamente, a questo ci pensano le agenzie turistiche a cui vi rivolgete. In ogni caso, controllate quali spese mediche copre l’assicurazione.  Alcune agenzie o le strutture turistiche presso cui soggiornate, inoltre, possono includere una ulteriore assicurazione (oltre quella sanitaria del Paese di competenza) che copre le spese mediche o il rimborso dei giorni di vacanza perduti a causa di malattie o incidenti.

Ora, il kit di pronto soccorso e automedicazione è completo. Possiamo chiuderlo e partire.
Buone vacanze!

Seguici sul nostro canale Telegram

moric

Nina Moric sposa in segreto Massimiliano Dossi in Cambogia

Gareth Bale

Al Qaeda e minacce telefoniche: per Bale e il Totthenam è divorzio tormentato