in

Il Maggio Musicale Fiorentino parte all’insegna della crisi

Il teatro e l’ente musicale che gestiscono l’evento soffrono per un buco da ben 14 milioni di euro. La prima serata al Teatro Comunale di Firenze è stata all’insegna del risparmio con il Don Carlo di Giuseppe Verdi eseguito in forma di concerto. Purtroppo la vendita dei biglietti è stata al di sotto delle aspettative ed è intervenuta la Confindustria di Firenze e la Bassilichi Spa che ne hanno comprati un buon numero per poi offrirli gratuitamente ai cittadini.

Il Ministro della Cultura Massimo Bray, presente all’inaugurazione, ha dichiarato ai giornalisti presenti che farà di tutto per risolvere questa spinosa questione. Anche per Francesco Bianchi la speranza c’è ma solo se ci sarà il forte interessamento delle forze politiche, economiche e socio-culturali locali ma soprattutto nazionali.  Il risanamento economico per Bianchi deve essere un obiettivo chiaro, poi con la collaborazione del Teatro, sarà possibile trovare il modo di dare stabilità all’ente per non perdere un evento culturale di dimensioni globali.

Una proposta chiara viene invece dal direttore dello spettacolo del Mibac Salvatore Nastasi, il quale afferma che un’opportunità può essere colta solo con una legge speciale fatta “ad hoc” per il Maggio Musicale Fiorentino e l’altro grande festival dell’Arena di Verona.

Casi come questo, in uno scenario politico instabile e con la crisi che è diventata arrembante, sono all’ordine del giorno nel mondo della cultura. Uno dei settori che dovrebbe essere di eccellenza per l’Italia e dove invece dedichiamo pochissimo sforzo ed iniziativa.

Intanto, dal Teatro Carlo Felice di Genova, arriva un accorato video-appello che riportiamo:

 

Photo Credit: Haags Uitburo via Compfight cc

Start Upper ed esperto di imprese tecnologiche, 42 anni, laurea e master ottenuto in Gran Bretagna. Vive a Livorno ma viaggia spesso tra Milano e Torino.

milena gabanelli

Stasera in diretta tv: Un medico in famiglia, Report e Le iene show

Risparmiare sulla spesa settimanale, ecco come fare