in ,

Il massacro dei cani: in Italia ogni anno ne vengono uccisi 1800

Seviziati, uccisi a bastonate, impiccati. Nel nostro Paese, in un solo anno, sono stati massacrati 1800 cani. Il triste dato è stato diffuso dall’Aidaa, l’Associazione italiana difesa animali ed ambiente. Questi numeri, in realtà, potrebbero anche lievitare in quanto scaturiscono esclusivamente dalle segnalazioni fatte al servizio “Reati contro gli animali” o raccolti nei social network dai volontari Aidaa.cani randagi

E’ un fenomeno strettamente collegato alla piaga del randagismo, e che quindi si verifica maggiormente nelle regioni in cui esso è più diffuso: le zone dell’entroterra di Puglia, Basilicata, Sicilia, Calabria, Sardegna, Lazio ed Abruzzo. “Zone in cui il randagismo è molto sviluppato e l’uccisione dei cani a bastonate, ma anche a colpi di fucile, viene considerata un mezzo di contenimento del randagismo, anche se in realtà si tratta di una violazione dell’articolo 544 del codice penale”, recita la nota di Aidaa.

A questi orribili reati si aggiungono poi anche le barbare uccisioni di cani randagi ad opera dei cacciatori a fine carriera, fenomeno in espansione anche nelle regioni dell’Italia centrale. Sono quindi oltre 2.000 le povere bestiole ammazzate crudelmente ogni anno in Italia.

maria de filippi

Maurizio Costanzo boccia il Grande Fratello: “mandato in onda a dispetto del telespettatore”

Cesare Prandelli

Amichevole Italia-Lussemburgo: si giocherà a Perugia