in

Il New York Times elogia Napoli e De Magistriis

Abituato a parlarne male, associandola a fenomeno quali la criminalità o la corruzione, anche il New York Times ora si ricrede su Napoli. Nell’edizione di ieri della storica testata americana, all’interno delle pagine dedicate ai viaggi, è stato dato ampio spazio alla città di Napoli, fornendo l’itinerario perfetto per visitarla in 36 ore. Il tempo necessario, secondo la giornalista e autrice dell’articolo Ingrid K. Williams, per scoprire “una città diversa, frizzante e culturalmente esplosiva”.

Vengono esaltati gli interventi voluti dal sindaco Luigi De Magistris, a partire dalla pedonalizzazione del Lungomare di via Caracciolo (quello che lo stesso De Magistris ama definire “lungomare liberato”), passando per la pulizia della città, il nuovo piano traffico e lo smaltimento dei rifiuti (problema, però, tutt’altro che risolto…).

napoli new york times

Ampio spazio anche alle iniziative culturali in programma a Napoli, così come le bellezze tutte da scoprire, a partire dalla visita immancabile della Napoli sotterranea, passando per le installazioni di opere d’arte contemporanea presenti in 13 diverse stazioni della Metropolitana.

Si parla, ovviamente, anche di cibo (pizza, gelati, sfogliatelle) e delle famose cravatte fatte a mano. Insomma, Napoli viene finalmente dipinta nel modo in cui merita, senza pregiudizi o luoghi comuni. Il “brand Napoli”, che stenta in Italia, sembra invece funzionare all’estero. Era ora…

Leggi anche -> Napoli, la città del Sole… ma anche dei due volti di Antonia Pellegrino
Leggi anche -> Città italiane dove si vive peggio: Napoli sempre più giù di Antonia Pellegrino
Leggi anche -> De Magistris, è tempo di bilanci: l’isola pedonale e poi? di Gianluca Capiraso

Concerto di Elton John in Italia, aperta la prevendita biglietti

Berlusconi caso Ruby la Guerra dei Vent'anni

Berlusconi, presenze in Tv: 7 volte di più del PD