in ,

Il nuovo regime agevolato forfettario sarà operativo dal 2015

Finalmente la legge di stabilità ha definito il nuovo regime agevolato forfettario che sarà operativo dal 2015 e sostituirà tutti i regimi esistenti: minimi e nuove iniziative produttive, pagando un imposta sostitutiva su un metodo forfettario.

regime forfetario

 

Regime agevolato forfettario

Posso aderire al nuovo regime tutte le persone fisiche che vorranno esercitare un attività di impresa o di arte e professione che iniziato l’attività o che nell’anno precedente abbiamo conseguito dei ricavi non superiori alle soglie che variano a secondo del codice attività ATECO;

Inoltre non dovranno aver sostenuto o sostenere costi di personale superiore ad € 5.000 lordi ed investimenti di beni strumentali superiori a € 20.000.

 

Esclusioni

Sono esclusi dal nuovo regime le attività di cessione di generi di monopoli, vendita beni usati, agriturismo, tutte le attività nei regimi speciali  ai fini iva o di regimi forfettari ai fini della determinazione del reddito, le persone fisiche che partecipano a società di persone , associazioni professionali o srl trasparenti.

Si ricorda che le cause di esclusione non fanno riferimento all’anno precedente  ma al momento dell’applicazione  del regime agevolato.

 

Semplificazioni

Gli aderenti al regime  potranno usufruire delle seguenti agevolazioni:

  • Esenzione Iva
  • Esonero tenuta della contabilità
  • Esonero dichiarazione e comunicazione Iva
  • Esonero dello spesometro
  • Esonero comunicazione black list
  • Esonero dagli studi di settore
  • Esonero dal subire la ritenuta d’acconto
  • Esonero dall’effettuare la ritenuta d’acconto

Mentre hanno l’obbligo di numerare e conservare le fatture attive e passive. Si ricorda che sulle fatture emesse andrà posta la dicitura “Operazione in franchigia da iva”

 

Calcolo dell’utile

Ai fini delle imposte sui redditi l’imponibile da assoggettare a tassazione del 15% si calcola applicando i seguenti coefficienti di redditività a differenza del codice attività ATECO:

Settore

Limite compensi

Coefficente di reddito

Industrie alimentati e bevande

35.000

40%

Commercio all’ingrosso e dettaglio

40.000

40%

Commercio ambulante e di prodotti alimentari e bevande

30.000

40%

Commercio ambulante e altri prodotti

20.000

54%

Costruzioni e attività immobiliari

15.000

86%

Intermediari del commercio

15.000

62%

Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione

40.000

40%

Attività professionali

15.000

78%

Altre attività economiche

20.000

67%

 

 

 

 

Written by Piero Di Bello

Piero Di Bello
Commercialista specializzato in fiscalità internazionale e nazionale. Autore di articoli e saggi su tematiche di fiscalità estera. Vive e lavora in Roma, Bari, Malta, San Marino, Ungheria e Albania dove si occupa di "business intelligence", "oversea", "stabile organizzazione", "rappresentante fiscale", "identificazione diretta" e "start-up estere". Iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti di Bari al n.2014 Sez. A ed iscritto alla Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate nell'Albo dei professionisti autorizzati al rilascio del "Visto Pesante". Tiene seminari e convegni sulla fiscalità nei paesi anglosassoni e francofoni.

filippo de silva squadra antimafia 7

Squadra antimafia 7 anticipazioni: De Silva ancora vivo? Ipotesi sull’ex spia

elena ceste barbara d'urso

Elena Ceste ultime notizie Chi l’ha visto?: le contraddizioni di Michele Buoninconti