in

Virginia Raggi presenta il nuovo Spelacchio, l’albero di Natale più social che c’è: “Signore e signori. Sono tornato. E sono uno spettacolo.”  

“Ladies and Gentlemen #Spelacchio is Back”. Lo annuncia così su Twitter e in pompa magna, dentro uno smoking scintillante di paillettes, la sindaca Virginia Raggi. Che ci presenta l’ospite d’onore dell’inverno in piazza Venezia: l’albero di natale. Quest’anno è addobbato e sponsorizzato da Netflix, vestito a festa con 376 mila euro di addobbi tra sfere, luci e cotillon.

Il nuovo Spelacchio e il nuovo cinepanettone

Soltanto oggi veniamo a conoscenza di tutti i dettagli dell’operazione Spelacchio, poiché l’intero programma è rimasto top-secret fino all’ultimo. Il nuovo Spelacchio ha 40 anni e proviene da Cittiglio, un paesino nel varesotto, nella Valle del Verbano, sulle sponde del lago Maggiore, ed è alto più di 20 metri. Gli operai del vivaio Spertini lo toccano come chirurghi: “Eh, non possiamo mica sbagliare”. Supervisionano tutto gli emissari della IGP Decaux, multinazionale specializzata in grandi allestimenti, che l’anno scorso ha organizzato con successo il Natale di Milano in cui lo sponsor era Sky. E ora conta di fare il bis davanti al Vittoriano, dopo essersi aggiudicata la commessa dal Comune di Roma.
L’alberò verrà letteralmente smontato, mediante il taglio di alcuni rami, i più ingombranti, e rimontato a Piazza Venezia. E’ stato inoltre annunciato che sarà addobbato in grande, grandissimo stile, con 60 mila luci a led a basso consumo energetico, in tonalità calde, e con 500 sfere di color argento e rosso, tra cui oltre un centinaio con le immagini delle più famose serie tv prodotte dallo sponsor Netflix.
Quello di sabato 8 dicembre, giorno dell’Immacolata, sarà un evento nell’evento, poiché oltre ad essere da sempre dedicato all’accensione dell’abete con l’Altare della Patria sullo sfondo, sarà un vero e proprio show che servirà non tanto a far dimenticare gli striminziti e, appunto, spelacchiati rami dello scorso anno, ma sarà anche il trampolino di lancio di Natale a cinque stelle, il film diretto da Marco Risi, scritto da Enrico Vanzina e dedicato alla memoria del fratello Carlo, scomparso pochi mesi fa. Il film si presenta come un cinepanettone politico e stavolta non finirà nelle sale, la sua particolarità è che andrà in onda sul canale americano Netflix a cominciare proprio da quel sabato lì. Sarà occasione di rivalsa, oltre che per il nuovo Spelacchio, anche per il filone dei cinepanettone?

Spelacchio ritorna su Twitter

Ebbene sì, Spelacchio ha anche un profilo social molto seguito, ritornato attivo da poche ore dopo un anno di silenzio, su cui non si risparmia a dispensare battute e a rispondere ai fans. Su Twitter Spelacchio si esprime e cinguetta in prima persona, anche se ovviamente non ci è dato sapere chi si nasconda dietro a manovrare il tutto.
Qui di seguito riportate alcune tra le sue perle più simpatiche:

  • “Signore e signori, vi faccio un regalo in anticipo. Sono tornato. E sono uno spettacolo.”
  • “Ad Hollywood sono diventato una vera star: ora i colleghi americani mi chiamano “Spelaccio”. Non li correggo perché mi piace come suona, “Spelaccio”. Molto poco italiano.”  
  • “Certo, negli States i #mindfulness guru e gli organic juices mi hanno aiutato. Ma c’ho messo tanto del mio.” 
  • “In questi giorni tornerò nella Città Eterna per brillare sul palcoscenico più importante di tutti: Venice Square o, come la chiamate voi, Piazza Venezia.”

UrbanPost consiglia: Chi è Elettra Lamborghini: età, peso, altezza, presunto matrimonio, tutto sulla sexy ereditiera

Claudia Montanarini, ex tronista di “Uomini e donne”, a giudizio per maltrattamenti in famiglia

Infezioni ospedaliere in Italia: ogni anno oltre 7mila morti