in ,

Il pagamento delle tasse sui dividendi esteri dopo la riforma (2)

Nel precedente articolo abbiamo parlato del pagamento delle tasse sui dividendi esteri dopo la riforma per le persone fisiche che possiedono o detengono quote di partecipazioni societarie in Italia oppure all’estero.

Oggi parleremo del pagamento delle tasse sui dividendi esteri dopo la riforma per le società che possiedono o detengono quote di partecipazioni societarie in Italia oppure all’estero.

La riforma a partire dal 01.07.2014 così come previsto dal Decreto Legge n.66 del 24.04.2014 non ha cambiato nella sostanza la tassazione dei dividendi in capo alle società di capitali, in quanto le quote non sono distinte tra partecipazione qualificata e non qualificate.

Infatti le società di capitali che detengono quote di partecipazioni in altre società, sia che esse siano italiane o estere, concorrono a formare la base imponibile Ires soltano per il 5%.

pagamento delle tasse

Quindi per fare un esempio: se una società estera trasferisce 100.000 euro di dividendo alla Srl italiana, quest’ultima dovrà dichiarare al fisco italiano soltanto il 5% del dividendo, quindi 5.000 euro, che formerà la base imponibile Ires dove andrà calcolata l’imposta del 27,5%.

A questo punto la domanda è d’obbligo: Perché gli imprenditori italiani costituiscono società Offshore cadendo nel reato di esterovestizione?

Risposta: Perché non tutti conoscono i vantaggi fiscali nel possedere le quote di partecipazione societarie attraverso Srl italiane.

Quindi per concludere il pagamento delle tasse sui dividendi esteri è più vantaggioso quando le quote societarie sono detenute o possedute da altre società.

Written by Piero Di Bello

Piero Di Bello
Commercialista specializzato in fiscalità internazionale e nazionale. Autore di articoli e saggi su tematiche di fiscalità estera. Vive e lavora in Roma, Bari, Malta, San Marino, Ungheria e Albania dove si occupa di "business intelligence", "oversea", "stabile organizzazione", "rappresentante fiscale", "identificazione diretta" e "start-up estere". Iscritto all'Ordine dei Dottori Commercialisti di Bari al n.2014 Sez. A ed iscritto alla Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate nell'Albo dei professionisti autorizzati al rilascio del "Visto Pesante". Tiene seminari e convegni sulla fiscalità nei paesi anglosassoni e francofoni.

ricette bake off italia 2

Ricette Bake Off Italia 2: la love cake di Maria Chiara

I cesaroni 6 anticipazioni

I Cesaroni 6 anticipazioni ottava puntata del 19 ottobre: Alice gelosa di Francesco