in ,

“Il paradiso delle signore 3” chiude, la rabbia dell’attrice Vanessa Gravina: «È una grave ingiustizia!»

Una notizia che era nell’aria da tempo e che purtroppo per i fan della telenovela italiana ambientata negli anni ’60 ha trovato conferma, ormai è ufficiale: Il Paradiso delle signore chiude. A maggio saranno trasmessi, infatti, gli ultimi episodi della soap, che dallo scorso settembre va in onda dal lunedì al venerdì alle 15.40 su RaiUno. La quarta stagione non si farà, questa la decisione dell’azienda, l’ultimo episodio sarà il 180esimo. I motivi? Bassi ascolti e il budget troppo alto.

Il Paradiso delle signore 3 chiude a maggio: le parole dure di Vanessa Gravina

A tuonare contro la brusca interruzione Vanessa Gravina, che ne Il paradiso delle signore interpreta Adelaide di Sant’Erasmo, tenace, fredda manipolatrice, una ‘dark lady’ all’italiana, che ha saputo conquistare il pubblico. «Sono molto dispiaciuta. E’ un prodotto di qualità che è passato dal 9 al 15% di share, con 2 milioni di telespettatori. Considero la chiusura una grande ingiustizia!», queste le parole dell’attrice e la sua opinione è parecchio condivisa dai fan della soap. Intervistata dal settimanale Nuovo Tv Vanessa Gravina ha precisato: «I costi ci sono, ma valgono la qualità e la resa della soap, premiata dal pubblico tutti i giorni […] spero fino all’ultimo che ‘Il paradiso delle signore’ venga salvato, lo meritiamo tutti!». Secondo Vanessa Gravina Il paradiso delle signore 3 non è peggio di tante altre fiction e soprattutto chiudere vuol dire far perdere il posto a decine di persone che dalla scorsa estate si sono date parecchio da fare. 10 mesi, 3 troupe, 180 lavoratori, una settantina di attori fissi, 30 comparse di media al giorno in costume e ben 7.200 minuti di riprese, questi i numeri della telenovela che vede nel cast Alessandro Tersigni, Alice Torriani e Roberto Farnesi. 

Il Paradiso delle signore 3: troppo costoso per la Rete Ammiraglia

Qualche segnale era purtroppo già arrivato. Poco dopo la fine di Sanremo Teresa De Santis, direttrice di Raiuno, aveva spiegato che Il Paradiso delle signore 3 era sì un buon prodotto, ma troppo costoso. Per quanto riguarda i numeri, c’è da dire che nei primi mesi di messa in onda forse questi sono stati bassi e deludenti, ma in seguito la soap, nata come spin-off della fiction omonima di successo con Giusy Buscemi e Giuseppe Zeno, si è ripresa, tanto da essere riuscita a toccare in più occasioni il 15% di share. Mica male, considerando che dall’altra parte c’è Uomini e donne, storico programma di Maria De Filippi. Sulle cifre forse mamma Rai può avere ragione: a differenza delle altre soap opera italiane, si pensi ad Un posto al sole, Il Paradiso delle signore, pur dovendo rientrare nella categoria «prodotti seriali», è girato come se dovesse andare in onda in prima serata. In altre parole è una fiction mascherata da telenovela o altrimenti una soap che costa come una serie tv. Il costo della prima serie è stato di 23 milioni di euro, cifra coperta questa al 75% dalla Rai, circa 17.239,000 euro, e il restante da Aurora Tv, quasi 6 milioni di euro. Un po’ troppo. 

leggi anche l’articolo —> Alessandro Tersigni: età, peso, altezza, tutto del protagonista de “Il paradiso delle signore”

Robbie Coltrane, Hagrid di “Harry Potter”, è malato: costretto sulla sedia a rotelle

Cecilia Rodriguez è incinta? Le foto che rivelano le forme sospette