in

Il Principe Harry sposerà la sua Cressida ma Kate storce il naso

In Inghilterra corre voce, sempre con più insistenza, del prossimo matrimonio che ci sarà alla corte inglese dei Windsor. Il principe Harry, quarto in linea di successione al trono britannico, sposerà la sua bella fidanzata di sangue blu Cressida Bonas. Ma Kate Middleton, la moglie di William e futura regina d’Inghilterra, storce il naso e non approva. Il motivo del crescente nervosismo? È legato alla sorellastra di Cressida, Isabella Calthorpe, affascinante attrice 33enne che rischia di riaprire antiche ferite amorose. Kate teme il ritorno al castello di quest’ultima. Il fattaccio risale al 2005 quando il marito William, allora fidanzatino di Kate, l’ha lasciata per iniziare una nuova storia proprio con Isabella. Ma l’attrice aveva ammesso di essere innamorata di un altro e così William è ritornato tra le braccia di Kate. Cressida Bones e Kate Middleton

Solo qualche mese fa i riflettori erano rivolti ai duchi di Cambridge Kate, William e il piccolo George ma adesso l’attenzione è su Harry, il vivace e ribelle secondogenito di Carlo e Diana, che ha deciso di sistemarsi, sposandosi.  Il giovane ha preso questa decisione influenzato dal fratello William e dal suo tranquillo menage familiare.

La candidata è Cressida Bonas, giovane aristocratica che vanta una parentela con Edoardo VII, a sua volta figlio della regina Vittoria e imparentato con le più importanti case regnanti d’Europa. Harry ha conosciuto la giovane ad una festa, nel maggio del 2012, della cugina Beatrice e pare che lui sia rimasto colpito dalla sua bellezza tanto da corteggiarla e volerla al suo fianco per sempre. Al Telegraph, degli amici di Cressida hanno evidenziato la decisione del principe e lei si è abituata a quest’idea. Le nozze, forse, avranno luogo l’anno prossimo. Se Harry è deciso, Cressida non sembra pronta ad affrontare questo ulteriore passo, impaurita da pressioni mediatiche e dai protocolli di corte.

Seguici sul nostro canale Telegram

Gisele e i figli al parco

Gisele Bündchen in una tranquilla giornata in un parco di Boston

14 ottobre 1964, Martin Luther King vinceva il premio Nobel per la Pace