in

Il Programma del M5S e il dialogo tra Grillo e Bersani

Bersani nella sua conferenza stampa di ieri ha dichiarato: “So che fin qui hanno detto ‘tutti a casa’, ora ci sono anche loro, o vanno a casa anche loro o dicono che cosa vogliono fare per questo paese loro e dei loro figli”. Dalle parole del segretario del Pd si evince che si voglia scongiurare l’ipotesi del ‘grande inciucio’ con il Pdl.

Anche il vice della coalizione di centrosinistra, Nichi Vendola lo ha precisato: “La risposta più sbagliata al voto sarebbe quella di un governissimo Pd-Pdl. Io penso che si debba andare incontro alla domanda di cambiamento: Grillo non è un fantasma per il quale bisogna convocare l’esorcista, è un nostro interlocutore”. Quindi si potrebbe leggere una sorta di apertura al dialogo con il M5S su eventuali punti in comune negli intenti, almeno per quanto riguarda
riforme importanti.

Lo stesso Grillo ha spiegato a margine dei risultati elettorali: “Noi non siamo contro il mondo. Vedremo riforma
per riforma, legge su legge. Se ci sono proposte che rientrano nel nostro programma, le valuteremo”. Per la tenuta di questo Governo, dunque, a meno che non si voglia tornare a breve alle urne, sembra sempre più importante riflettere sugli eventuali punti di convergenza che si possono individuare tra le proposte di Pierluigi Bersani (che dovrebbe essere designato Presidente del consiglio) ed il blocco del M5S.

Argomento che dovrebbe incontrare un’apertura anche da parte di Grillo, dato che l’alternativa sono proprio le nuove elezioni, che comporterebbero un nuovo dispendio di risorse economiche a carico dei cittadini italiani di cui, questa volta, il M5S sarebbe complice. Ma qual è il programma del Movimento a cinque stelle? Una sintesi ci è stata restituita dallo stesso comico leader del movimento, che lo scorso 7 febbraio ha pubblicato sul suo blog una lettera indirizzata
agli italiani sulle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio che si conclude con i “20 punti per uscire dal buio”, una sintesi delle proposte presenti nel programma:

1) Reddito di cittadinanza
2) Misure immediate per il rilancio della piccola e media impresa
3) Legge anticorruzione
4) Informatizzazione e semplificazione dello Stato
5) Abolizione dei contributi pubblici ai partiti

6) Istituzione di un “politometro” per verificare arricchimenti illeciti dei politici negli ultimi 20 anni
7) Referendum propositivo e senza quorum
8) Referendum sulla permanenza nell’euro
9) Obbligo di discussione di ogni legge di iniziativa popolare in Parlamento con voto palese
10) Una sola rete televisiva pubblica, senza pubblicità, indipendente dai partiti

11) Elezione diretta dei parlamentari alla Camera e al Senato
12) Massimo di due mandati elettivi
13) Legge sul conflitto di interessi
14) Ripristino dei fondi tagliati alla Sanità e alla Scuola pubblica
15) Abolizione dei finanziamenti diretti e indiretti ai giornali

16) Accesso gratuito alla Rete per cittadinanza
17) Abolizione dell’IMU sulla prima casa
18) Non pignorabilità della prima casa
19) Eliminazione delle province
20) Abolizione di Equitalia

Il Governatore del Nord

Virginia Raffaele

Tapiro d’oro a Gianfranco Fini, il video della consegna di Staffelli