in

Il ricordo di Pino Daniele a Piazza del Plebiscito: le sensazioni dei napoletani presenti

Napul’è mille culure” e ieri i suoi concittadini l’hanno dimostrato. Più di settantamila persone a Piazza del Plebiscito per salutare e omaggiare ancora una volta Pino Daniele, cantante napoletano scomparso lo scorso 4 gennaio a causa di un infarto. Da quel giorno Napoli si è spenta, quei mille colori che il cantante elogiava in una delle sue tante canzoni, sono svaniti in segno di lutto per una scomparsa troppo pesante da sopportare. Pino Daniele era un artista molto apprezzata a Napoli, al pari di Totò, Eduardo o Massimo Troisi. Il cantante per anni ha difeso la città con le sue canzoni e per i napoletani resterà sempre un simbolo della città partenopea.

Tantissime persone ieri hanno gremito Piazza del Plebiscito, le canzoni di Pino Daniele riecheggiavano nell’aria accompagnate dalla voce dei circa settantamila presenti. “Quando”, “Amore senza fine“, “Napul’è” e poi ancora striscioni e cori per il maestro scomparso. Abbiamo raccolto alcune sensazioni dei napoletani che ieri erano a Piazza del Plebiscito a ricordare Pino Daniele in un meraviglioso flash mob: “E’ stato bellissimo poter ricordare Pino Daniele, il cantante che ha dato voce alla mia città e che ha saputo coglierne bellezze e contraddizioni. Sono certa che le sue canzoni non moriranno mai.” Tante le emozioni che ha suscitato ieri l’evento per Pino Daniele, emozioni diverse per ognuno: “Ieri ero lì per ricordare le tue parole, i tuoi versi, la tua chitarra, la tua voce che mi ha accompagnato negli anni. Ho imparato a conoscere Napoli attraverso le tue canzoni. Ho dentro incisa quell’immagine, mai banale e stereotipa, di una città e di una cultura che sento sempre più ridicolizzare e sminuire.” oppure:”Ieri c’erano tantissime persone che lo amavano e che lo ameranno per sempre perchè lui oltre ad essere un grande artista era anche un maestro di vita, ha indirizzato generazioni verso la via dell’amore, ha fatto credere che l’amore esiste a persone che non ci credevano più da tempo. “ C’è anche però chi si lamenta dell’organizzazione: “Poteva essere organizzato in maniera migliore, potevano esserci più casse, ma davanti ad un evento del genere si può passare avanti. Dovevo per forza esserci a commemorare un’artista che ha regalato tante emozioni alla nostra città.” Infine c’è anche chi manda un messaggio al cantante ormai scomparso: “Dopo la notizia della tua morte ho ricordato tutte le tue canzoni che hanno accompagnato tutti i momenti belli e brutti della mia vita, di quella adolescenza così diversa e così uguale a quella di mia figlia che piange con me la tua prematura scomparsa, perchè tu sei stato così grande da abbracciare varie generazioni. Grazie Pino, Lazzaro felice.” 

Emozioni, ricordi, parole d’amore quelle espresse dai cittadini partenopei, che ancora non credono che Pino li abbia lasciati così presto. Queste persone hanno espresso il parere di tutti: Pino Daniele è stato così grande da abbracciare diverse generazioni, le sue canzoni erano ascoltate dalle persone della sua epoca e restano ancora attuali per gli adolescenti dell’ultima generazione. Un grande artista si riconosce da questo e, anche se dopo la sua morte, noi abbiamo avuto la dimostrazione che Pino Daniele è stato e sarà uno dei più grandi artisti della musica italiana. 

pino daniele piazza del plebiscito 2

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

sorelline florida

Usa, Florida: due sorelline di 11 e 15 anni accusate di aver ucciso il fratello 16enne

vacanze romantiche

Ilaria D’Amico e Gigi Buffon: vacanze romantiche a Courmayeur