in

“Il ritorno di Mary Poppins”, dal 20 dicembre nelle sale italiane il sequel del classico disney

A partire dal 19 dicembre, in pieno clima natalizio, arriva nelle sale italiane Il ritorno di Mary Poppins (titolo originale Mary Poppins Returns), sequel del classico disney di successo del 1964, ispirato all’omonimo romanzo, nato dalla penna di Pamela Lyndon Traver. All’epoca, nei panni della tata «perfetta sotto ogni aspetto»c’era Julie Andrews, ora è la volta di Emily Blunt. Diretto da Rob Marshall, il film vanta nel cast anche una star d’eccezione: Meryl Streep, la quale interpreterà la cugina alquanto stravagante di Mary, Topsy. 

Un ritorno attesissimo, di cui è stato già diffuso il trailer. Michael e Jane sono ormai grandi, hanno una famiglia loro e dei figli. Un grave lutto mina la loro tranquillità ed ecco che qui prontamente arriva in soccorso la tata più famosa di tutti i tempi, quella che li aveva aiutati a ricucire il rapporto con il padre George. Proprio lei, Mary Poppins, torna con lo stesso ombrello e l’inseparabile borsa multitasking, piena di scarpe, specchi, piante e oggetti di vario tipo. Un tuffo nel passato per quelli delle mia generazione che sono cresciuti con il lungometraggio disney, una piacevole scoperta per il pubblico più giovane. 

Anche ne Il ritorno di Mary Poppins si canta, si balla e ci si diverte imparando. A colpi di «supercalifragilistichespiralidoso», anche i figli di Michael, Annabel, Georgie e John, saranno protagonisti di passeggiate nei disegni. Perché mai come in Mary Poppins l’animazione fa i conti con la realtà ed è mescolandosi ambedue che viene fuori qualcosa di meraviglioso.

Oltre le già citate Emily Blunt e Meryl  Streep, anche Colin Firth nei panni del boss di Michael e il grande Dick Van Dyke, il Bert del primo film che, qui, ritorna nei panni del direttore della banca. Le musiche sono composte da Marc Shaiman. Per molti è già il film rivelazione dell’anno, non ci resta che attendere e scoprire se le attese sono ben riposte.

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Pace Fiscale testo, condono e riciclaggio: Di Maio grida al complotto, ma chi ha ragione? Le posizioni di Lega e Quirinale

Governo Conte, la manina di Di Maio: il precedente con il Decreto Dignità