in

Il Santo del giorno 16 gennaio: San Tiziano di Oderzo

Il Santo di oggi, 16 gennaio, è San Tiziano da Oderzo. Tiziano di Oderzo è stato un vescovo del VII secolo ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica. Il nome Tiziano deriva dal latino titianus, a sua volta derivato dal gentilizio titius il cui significato letterale è “difensore”. Per quanto riguarda il culto di San Tiziano, esso è riconosciuto sin dall’VIII secolo. Svariate opere d’arte lo raffigurano nelle cattedrali di Ceneda e di Oderzo e in altre chiese venete, una decina di parrocchie sono dedicate al suo nome. Lo stesso Tiziano Vecellio lo ha raffigurato in due dipinti: a Pieve di Cadore e a Lentinai di Belluno. Il suo martirologio romano recita: «A Oderzo in Veneto, san Tiziano, vescovo».

Leggi anche –> Il Santo del giorno 15 gennaio: San Mauro

La vita di San Tiziano di Oderzo

San Tiziano nacque da una nobile famiglia di Eraclea, antica città posta nel litorale veneto. Ebbe come maestro Floriano, vescovo di Oderzo: da lui fu ordinato diacono, sacerdote e poi economo diocesano. Le sue attività caritatevoli lo resero noto nella regione, tanto che quando Floriano lasciò la propria cattedra vacante per andare a Ravenna, forse a causa del cosiddetto Scisma dei Tre Capitoli, Tiziano fu eletto suo successore con il benestare del popolo. San Tiziano visse in modo strettamente religioso e divenne noto per le sue predicazioni e per il suo netto rifiuto dell’Arianesimo, allora diffuso tra le popolazioni longobarde. San Tiziano nutriva un amore profondo verso i poveri. Tiziano, infatti, invitava spesso a casa sua i poveri e li nutriva con i propri mezzi. Questi gesti di amore e carità fecero crescere la sua fama in tutta la regione.Tiziano morì a Oderzo, forse nel 632, il 16 gennaio, e fu sepolto nella cattedrale della città, oggi non più esistente. Il corpo del Santo oggi riposa nella cattedrale di Ceneda, un quartiere di Vittorio Veneto in provincia di Treviso, in un sarcofago di bronzo di stile neo-bizantino.

Il culto e i miracoli di San Tiziano di Oderzo

San Tiziano è il patrono della città di Vittorio Veneto, della città di Oderzo, del paese di Francenigo e di Stretti di Eraclea. San Tiziano si festeggia il 16 gennaio. La figura di San Tiziano è avvolta nella leggenda. Si narra, infatti, che nella cattedrale di Oderzo sarebbero avvenuti molti miracoli. Questi miracoli non sono stati tutti riconosciuti dalla Chiesa. Una leggenda nata sulla storia del trafugamento delle sue spoglie racconta che il corpo del santo fu sottratto una notte dai suoi conterranei di Eraclea per portarlo nella loro città. Gli abitanti di Oderzo, venuti a sapere del furto, rincorsero gli eracleani con intenzioni ostili reclamando la restituzione delle spoglie. Un vecchio riuscì ad evitare la battaglia consigliando alle parti di depositare il corpo di Tiziano in una barca sul Livenza, lasciando alla volontà di Dio la scelta del luogo dove Tiziano avrebbe riposato. La barca, risalendo miracolosamente il fiume, si fermò a Portobuffolè. Gli abitanti di Oderzo, percepito questo fatto come una vittoria, misero il corpo su un carro, ma i buoi non riuscirono a smuoverlo. Fu così che il vecchio riapparse, consigliando tre giorni di preghiera e digiuno. Allo scadere dei tre giorni una vedova del luogo attaccò il carro alla sua mucca e al suo vitello. Questi due animali portarono San Tiziano nella chiesa di Ceneda, dove appunto il corpo del santo oggi riposa. La verità storica invece ci dice che la collocazione attuale del corpo di San Tiziano fu opera dei Longobardi.

Leggi anche –> Il santo del giorno 14 gennaio: San Felice da Nola

Autostrade in tempo reale: traffico, incidenti, chiusure oggi lunedì 19 novembre

Autostrade in tempo reale: traffico, incidenti, chiusure oggi mercoledì 16 gennaio

Aurora Ramazzotti svela perché non andrà all’Isola: «Da mia madre ho preso un difetto fisico!»