in

Il Santo del giorno 20 agosto: San Bernardo di Chiaravalle

Il Santo di oggi, 20 agosto, è San Bernardo di Chiaravalle. Bernardo di Chiaravalle è stato un monaco cristiano, abate e teologo francese dell’ordine cistercense, fondatore della celebre abbazia di Clairvaux, di cui fu abate, e di altri monasteri. E’ venerato come Santo dalla Chiesa cattolica, anglicana e luterana. San Bernardo è il protettore degli apicoltori. Il nome Bernardo deriva dal tedesco e vuol dire “ardito come un orso”. I suoi simboli sono: il bastone pastorale e un libro. Il suo martirologio romano recita: « Memoria di san Bernardo, abate e dottore della Chiesa, che entrato insieme a trenta compagni nel nuovo monastero di Cîteaux e divenuto poi fondatore e primo abate del monastero di Chiaravalle, diresse sapientemente con la vita, la dottrina e l’esempio i monaci sulla via dei precetti di Dio; percorse l’Europa per ristabilirvi la pace e l’unità e illuminò tutta la Chiesa con i suoi scritti e le sue ardenti esortazioni, finché nel territorio di Langres in Francia riposò nel Signore». 

Leggi anche –> Il Santo del giorno 11 agosto: Santa Chiara d’Assisi

La vita di San Bernardo di Chiaravalle

San Bernardo nacque a Fontaine-lès-Dijon nel 1090. Studiò grammatica e retorica. Nel 1112  si fece monaco nel monastero cistercense di Cîteaux. Nel 1115, insieme con dodici compagni, si trasferì nella regione della Champagne e chiamò quella posto Chiaravalle. L’Abbazia di Chiaravalle divenne in breve tempo un centro di richiamo oltre che di irradiazione. Nel 1119 alcuni cavalieri, sotto la guida di Ugo di Payns, feudatario della Champagne e parente di Bernardo, fondarono un nuovo ordine monastico-militare, l’Ordine dei Cavalieri del Tempio, con sede in Gerusalemme, nella spianata dove sorgeva il Tempio ebraico; lo scopo dell’Ordine, posto sotto l’autorità del patriarca di Gerusalemme, era di vigilare sulle strade percorse dai pellegrini cristiani. Durante la sua vita cercò sempre di dare il suo aiuto nelle questioni politiche. Le sue condizioni di salute cominciarono a peggiorare alla fine del 1152: ebbe ancora la forza di intraprendere un viaggio fino a Metz, in Lorena, per mettere fine ai disordini in quella zona. Tornato a Chiaravalle morì il 20 agosto 1153 probabilmente per tumore dello stomaco.

Il Culto del Santo del giorno

Nel 1174 Papa Alessandro III lo proclamò Santo nella cattedrale di Anagni, fu dichiarato dottore della Chiesa da papa Pio VIII nel 1830. Secondo una leggenda,San Bernardo decise di raggiungere Vigevano per convincere la popolazione ad arruolarsi e a scontrarsi contro gli infedeli nella seconda crociata. Durante il viaggio, un diavolo ostacolò il Santo tentando di staccare una delle ruote del suo carro. Bernardo catturò il demonio e lo legò alla ruota rotta, proseguendo così il suo viaggio. I vigevanesi, venuti a conoscenza dell’imprevisto, prepararono una pila di legna in modo da condannare al rogo il diavolo. Ancora oggi, questa leggenda viene ricordata dalla popolazione locale di Vigevano. Un fantoccio, rappresentate il demonio, viene bruciato davanti la chiesa di San Bernardo nel giorno della sua festa.

Leggi anche –> Il Santo del giorno 10 agosto: San Lorenzo

Whoopi Goldberg: età, peso, altezza, carriera e vita privata della famosa attrice 

Crisi di governo, è il giorno di Conte al Senato: cosa ci aspetta, i possibili scenari