in

Il Santo del giorno 21 febbraio: San Pier Damiani

Il Santo di oggi, 21 febbraio, è San Pier Damiani. San Pier Damiani è stato un teologo, vescovo e cardinale italiano della Chiesa cattolica, che lo venera come santo e dottore della Chiesa. Fu grande riformatore e moralizzatore della Chiesa del suo tempo, autore di importanti scritti liturgici, teologici e morali. Fu anche uno dei migliori latinisti del suo tempo. Il nome Pier è il diminutivo di Pietro. San Pier nelle immagini sacre è spesso raffigurato con il bastone pastorale. Il suo martirologio romano recita: «San Pier Damiani, cardinale vescovo di Ostia e dottore della Chiesa: entrato nell’eremo di Fonte Avellana, promosse con forza la disciplina regolare e, in tempi difficili per favorire la riforma della Chiesa, richiamò con fermezza i monaci alla santità della contemplazione, i chierici all’integrità di vita, il popolo alla comunione con la Sede Apostolica».

Leggi anche –> Il Santo del giorno 20 febbraio: Santa Giacinta Marto

La vita di San Pier Damiani

San Pier Damiani nacque a Ravenna nel 1007. Proveniva da una famiglia molto numerosa di cui lui era l’ultimo figlio. Rimase orfano di padre e così si occupò di lui il fratello maggiore Damiano. Dopo aver studiato a Ravenna, Faenza, Padova e insegnato all’università di Parma, entrò nel monastero camaldolese di Fonte Avellana. Nel 1057 il Papa lo chiamò a Roma per averlo accanto in un momento di crisi della Chiesa. La Chiesa cattolica stava subendo a quel tempo numerosi scismi e era alle prese con la piaga della simonia, ovvero l’acquisizione di beni spirituali in cambio di denaro o prestazioni sessuali. Nominato vescovo di Ostia e poi cardinale, aiutò i diversi Papi che si succedettero al Soglio pontificio a svolgere un’opera moralizzatrice. In quest’azione si fece aiutare dell’abate benedettino Ildebrando, che nel 1073 fu eletto Papa con il nome di Gregorio VII. Pier Damiani, fu delegato pontificio in Germania, Francia e nell’Italia settentrionale. Morì a Faenza nel 1072. Proprio qui a Faenza si trovano custodite le sue reliquie. Nel 1828 Leone XII lo proclamò dottore della Chiesa.

La dottrina di San Pier Damiani

San Pier Damiani fu uno scrittore e intellettuale raffinato: si conoscono oltre settecento manoscritti contenenti le sue opere. Pier Damiani scrisse 180 lettere, varie opere liturgiche, sermoni da lui tenuti in varie occasioni e agiografie. Le sue opere furono raccolte e pubblicate per la prima vota dal religioso benedettino, padre Costantino Caetani, che le divise in quattro volumi usciti tra il 1606 e il 1640. Nelle sue opere vengono fuori diversi temi cari a San Pier. Uno di questi temi è sancta simplicitas, ovvero il coraggio e la forza d’animo di tutti quegli uomini che partecipano con salda convinzione alla fede. Poi parla anche della divina onnipotenza dove giunge alla conclusione che Dio non può cambiare il passato. San Pier poi afferma che la dialettica è una disciplina formale, che mette ordine nelle idee e nel linguaggio, ma non ha la forza di penetrare nell’essenza intima della realtà. Infine San Pier afferma che le funzioni che svolgono, rispettivamente, il giudice e il sacerdote sono inconfondibili tra loro.

Leggi anche –> Pasqua 2019 quando cade: data ricorrenza, festività vicine

Andrea Bosca: età, peso, altezza, carriera, fidanzata, tutto sull’attore de “La porta rossa”

Autostrade in tempo reale oggi: traffico, incidenti, chiusure giovedì 21 febbraio 2019