in

Il Santo del giorno 26 dicembre: Santo Stefano

Il Santo di oggi, 26 dicembre, è Santo Stefano. Santo Stefano è stato il primo dei sette diaconi scelti dalla comunità cristiana per aiutare gli Apostoli nel ministero della fede. Stefano è il protomartire, cioè il primo cristiano ad aver dato la vita per testimoniare la propria fede in Cristo e per la diffusione del Vangelo. Il martirio di Stefano è descritto negli Atti degli Apostoli dove appare evidente sia la sua chiamata al servizio dei discepoli sia il suo martirio, avvenuto per lapidazione. Santo Stefano è celebrato da tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi. Stefano è protettore dei diaconi e dei fornai. Viene anche invocato per proteggere dal mal di testa. Il nome Stefano deriva dal greco e vuol dire incoronato. Nelle immagini sacre Santo Stefano viene rappresentato con due simboli: la palma e le pietre. Scopriamo qualcosa in più sulla sua vita e sul suo culto.

Leggi anche –> Capodanno 2019 a Roma: ecco tutti gli eventi della capitale

La vita di Santo Stefano, il primo martire

Sulla vita di Santo Stefano non si hanno notizie certe, ma sicuramente fu il primo a dare la vita per Gesù Cristo. Stefano ebreo o greco di nascita si convertì alla fede cristiana dopo aver assistito alla predicazione di San Pietro. Stefano fu eletto dagli Apostoli primo dei sette diaconi per provvedere ai bisogni dei primi fedeli, specialmente delle vedove e degli orfani di cui la Chiesa ebbe sempre una cura particolare. Santo Stefano svolse il suo compito con determinazione e passione riuscendo a convertire un numero altissimo di fedeli. Tutto questo però gli procurò l’odio dei Giudei. Gli Giudei per poterlo fermare nella sua opera di conversione cercarono falsi testimoni per accusarlo di bestemmia contro Mosè e contro Dio. Dopo la lettura delle accuse, il sommo sacerdote Caifa gli disse di parlare per difendersi, ed egli fece la sua apologia, rappresentando loro la bontà e la misericordia del Signore verso il popolo ebreo, cominciando da Abramo fino a Davide. Il suo discorso però non mutò la decisione dei Giudei e così venne condannato a morte. Nel 36 d.C. morì lapidato secondo il reti giuridico dei Giudei.

Il Culto del primo martire cristiano

Il giorno di Santo Stefano è una festività cristiana celebrata il 26 dicembre dalla Chiesa cattolica e da alcune Chiese protestanti, mentre la Chiesa ortodossa lo celebra il 27 dicembre. Il 26 dicembre è festa nazionale in Austria, Città del Vaticano, Croazia, Danimarca, Germania, Irlanda, Italia, Romania, San Marino e Svizzera italiana e Francia. In Italia Santo Stefano si festeggia il 26 dicembre come festa nazionale dal 1947, prima di questa data il giorno di Santo Stefano era  lavorativo. Nel Regno Unito e in vari Paesi del Commonwealth si celebra il Boxing Day, che corrisponde alla festa di Santo Stefano a meno che non cada di domenica, in quel caso si celebra il 27 dicembre. In Irlanda questo giorno è chiamato Lá Fhéile Stiofán o Lá an Dreoilín , il secondo nome è la traduzione letterale del termine inglese Wren Day. Questo nome allude ad alcune leggende nelle quali gli episodi della vita di Gesù sono legate alla figura del passerotto. In alcune parti dell’Irlanda le persone, portando l’immagine di un passero o proprio un passero in gabbia, vanno di casa in casa suonando canzoni, ballando e cantando. Infine Santo Stefano è il santo patrono della Serbia e in questo giorno si celebra la “Festa della Repubblica”.

Leggi anche –> Meteo Natale e Santo Stefano 2018: previsioni aggiornate, ecco che tempo farà

Omicidio a Pesaro: trucidato in strada a colpi di pistola mentre parcheggia l’auto

catania etna sciame sismico

Terremoto Catania news: continua eruzione Etna e sciame sismico, crolli e feriti