in

Il Santo del giorno 28 dicembre: Santi Innocenti martiri

Oggi, 28 dicembre, è la ricorrenza dei Santi Innocenti Martiri. I Santi Innocenti sono quei bambini che furono trucidati in Betlemme e nei dintorni, quando il crudele Erode volle mettere a morte Gesù Cristo. Essi con la loro morte divennero le prime vittime della fede, che la terra inviò al cielo dopo la nascita del Salvatore. La strage degli innocenti è un episodio presente nel Vangelo secondo Matteo (2,1-16), in cui Erode il Grande, re della Giudea, ordinò un massacro di bambini allo scopo di uccidere Gesù, della cui nascita a Betlemme era stato informato dai Magi. Secondo la narrazione evangelica, Gesù scampò alla strage in quanto un angelo avvisò in sogno Giuseppe, ordinandogli di fuggire in Egitto. Nella tradizione occidentale e cristiana il racconto è diventato un topos culturale, che ha dato luogo nei secoli a moltissime rappresentazioni artistiche. I bambini innocenti che muoiono violentemente, uccisi dalla sete di potere, diventarono vittime inconsapevoli di un odio spietato contro chi può ostacolare i piani di potenza e di dominio.

Leggi anche –> Il Santo del giorno 26 dicembre: Santo Stefano

La Strage degli Innocenti

L’episodio della Strage degli Innocenti è narrato solo nel Vangelo secondo Matteo, infatti negli altri vangeli canonici non vi sono accenni a questa storia. Il racconto comincia dopo la nascita di Gesù, al tempo di Erode il Grande (73-4 a.C.). Alcuni magi giunsero a Gerusalemme chiedendo dove si trovasse il re dei Giudei, appena nato. Erode si turbò alla notizia e chiese ai sommi sacerdoti e agli scribi del popolo il luogo dove sarebbe dovuto nascere il messia. Gli scribi del tempo dissero ad Erode che il Messia era nato a Betlemme secondo quanto riportavano le profezie. Erode ottenuta così la risposta chiamò i magi e gli comunicò il luogo dove era nato Gesù e chiese loro di fargli poi sapere il luogo esatto dove l’avrebbero trovato in modo tale che anche lui gli potesse portare dei doni. I magi, avvertiti in sogno da un angelo, decisero di non tornare a Gerusalemme per comunicare il luogo dove Gesù si trovava ad Erode. Avvertito a sua volta da un angelo dopo la partenza dei magi, Giuseppe portò la sua famiglia in Egitto. Erode, sentendo minacciato il proprio trono, ordinò l’uccisione di tutti i neonati maschi dai due anni in giù del territorio di Betlemme. L’episodio termina ricordando come la strage degli innocenti avesse verificato una profezia biblica, narrata nel Libro di Geremia.

La Strage degli Innocenti tra storia e leggenda

La strage degli Innocenti non è riportata da nessun’altra fonte al di fuori del Vangelo secondo Matteo. La storicità dell’episodio è messa in dubbio, in particolare, dalla mancanza di cenni alla strage nelle opere di Flavio Giuseppe, lo storiografo ebraico fortemente ostile ad Erode e principale fonte non evangelica sul periodo. Ma rimane ovvio che tale mancata citazione può significare anche una scarsa considerazione dell’evento in sé, considerando i tempi estremamente duri e la probabile scarsità nel numero delle vittime, considerando che Betlemme era poco più di un piccolo borgo. Secondo Giuseppe Ricciotti, storico biblista, il numero dei bambini nati a Betlemme in quel periodo poteva aggirarsi intorno ai 60 individui da due anni in giù. Volendo però Erode uccidere solo i bambini maschi il numero degli uccisi è dunque, approssimativamente, di circa 30 neonati e, considerando che la mortalità infantile nel Vicino Oriente era molto alta, il numero si restringe a circa 20. L’episodio, quindi, non avrebbe avuto rilevanza tale da interessare gli storici del tempo, sia per il numero limitato sia per l’appartenenza delle vittime alla popolazione rurale. Quindi il caso essendo limitato non giunse a Roma e la notizia non venne considerata dagli storici. Però anche se è in dubbio la veridicità di questa storia dobbiamo supporre, fino a prova contraria, la buona fede degli evangelisti nel raccontare la storia di Gesù.

Leggi anche –> Il Santo del giorno 23 dicembre: San Giovanni da Kety

chico mendes chi è

Chico Mendes ucciso 30 anni fa: chi era il vero difensore dell’Amazzonia

Autostrade in tempo reale: traffico, incidenti, chiusure oggi venerdì 28 dicembre