in

Il Santo del giorno 28 novembre: San Giacomo della Marca

Il Santo del giorno 28 novembre è San Giacomo della Marca. Giacomo della Marca è stato un sacerdote appartenente all’Ordine dei Frati Minori Osservanti. Il nome Giacomo deriva dall’ebraico e vuol dire “che segue Dio”. È il Santo patrono di Monteprandone, comune italiano della provincia di Ascoli Piceno nelle Marche. Il suo martirologio romano recita: «A Napoli, deposizione di san Giacomo della Marca, sacerdote dell’Ordine dei Minori, insigne per la predicazione e per l’austerità di vita».

Leggi anche –> Il Santo del giorno 27 novembre: San Virgilio di Salisburgo

La vita di San Giacomo della Marca

San Giacomo della Marca nacque a Monteprandone il 1º settembre 1393. Compiuti gli studi liberali ad Ascoli si laureò in Diritto a Perugia intorno al 1412. Poi svolse l’attività di giudice e di notaio presso la segreteria comunale di Firenze. Ad un certo punto nel luglio del 1416 lasciò il mestiere di avvocato ed entrò nell’Ordine dei Frati Minori. Fu allievo insieme a Giovanni da Capestrano e con Bernardino da Siena. Nel 1423 venne ordinato sacerdote. Nel 1430 fondò, insieme allo stesso san Bernardino da Siena, il Santuario di Maria Santissima del Lattani a Roccamonfina. Le città di Fermo e Ascoli, eterne nemiche, stipularono una storica pace nel 1446 e poi nel 1463 grazie all’intervento di San Giacomo. Partecipò al Concilio di Mantova del 1459. Inoltre fece costruire basiliche, conventi, biblioteche, pozzi e cisterne pubbliche. Morì a Napoli il 28 novembre 1476.

Il culto del Santo del giorno

Il corpo di San Giacomo della Marca venne sepolto nella chiesa di Santa Maria la Nova a Napoli. Nel 2001 il corpo è stato traslato nel Santuario “Santa Maria delle Grazie”, da lui fondato nel 1449, a Monteprandone. Papa Urbano VIII lo beatificò il 12 agosto 1624. Poi Papa Benedetto XIII lo proclamò Santo il 10 dicembre 1726. A lui sono intitolate due parrocchie, una ad Ascoli Piceno e una a Porto d’Ascoli.

Leggi anche –> Il Santo del giorno 26 Novembre: San Leonardo da Porto Maurizio

finge video tutorial tik tok

Tik Tok, finge un video tutorial per parlare dei lager in Cina: “E’ un Olocausto”

Milano, sciopero mezzi 28 e 29 novembre: orari e fasce protette