in

Il Santo del giorno 30 dicembre: Beata Margherita Colonna

Il Santo di oggi, 30 dicembre, è la Beata Margherita Colonna. Margherita Colonna è stata una religiosa italiana, proclamata beata da Papa Pio IX.  Margherita si ritirò su una montagna di proprietà della sua famiglia presso Palestrina e lì visse in preghiera seguendo la nuova regola delle francescane dettata da Urbano IV. Il nome Margherita deriva dal greco e significa perla. Il nome Margherita veniva dato alle bambine per sottolinearne la loro bellezza e luminosità. Solo nel Medioevo venne descritto come un nome dal riferimento botanico. Il martirologio della Beata Margherita Colonna recita: “Presso Palestrina nel Lazio, beata Margherita Colonna, vergine, che preferì alle ricchezze e ai piaceri del mondo la povertà per Cristo, che ella servì professando la regola di santa Chiara”.

Leggi anche –> Il Santo del giorno 29 dicembre: San Tommaso Becket

La vita della Beata Margherita Colonna

La Beata Margherita nacque a Palestrina, nel Lazio, nel 1255 da Oddone Colonna e Mabilia Orsini. Apparteneva dunque a due potenti famiglie romane, protagoniste, nel corso dei secoli, con fasi alterne di pace e di odio reciproco, della storia della città eterna. Palestrina era la roccaforte di famiglia. La ricchezza dei nobili romani era legata ai pontefici e alle cariche ecclesiastiche anche se gli anni in cui visse Margherita furono per la Chiesa complicati e tumultuosi: dal 1268 al 1271 la sede papale rimase vacante, per il periodo più lungo della storia. Destinata ad un matrimonio prestigioso, importante per le alleanze nobiliari, in cuor suo, invece, voleva solo essere sposa verginale di Gesù. Il 6 marzo 1273, con due pie donne di casa, si ritirò a Castel San Pietro, sul monte che sovrasta Palestrina, presso la chiesa di S. Maria della Costa, per seguire la sua vocazione sulla scia del movimento francescano. Iniziò digiuni e penitenze, pregando che si realizzasse il suo desiderio: diventare clarissa. Visse lì qualche anno in ritiro. La sua vita da eremita era, per la potente famiglia Colonna, uno scandalo. Grazie a suo fratello Giacomo,cardinale, che Margherita poté iniziare la sua nuova vita nella fede. Margherita si occupò della formazione delle compagne, ma la sua carità andò oltre, rivolta anche agli ammalati e ai poveri dei paesi vicini. Per loro, ogni anno, per la festività di San Giovanni Battista di cui era molto devota, organizzava un pranzo. Cadde più volte in estasi e per sette anni sopportò pazientemente una ferita ulcerosa sul fianco, portata come una stimmate della Passione di Gesù. Ulcera che le causò la morte il 30 dicembre 1284. Immediatamente il suo sepolcro divenne meta di pellegrinaggi e i devoti, per sua intercessione, ottenevano grazie. Oggi le reliquie della Beata Margherita sono venerate nella chiesa di Castel San Pietro, poco distante da Palestrina.

Le famiglie Colonna e Orsini

Beata Margherita Colonna era imparentata con due delle famiglie più potenti dell’epoca, scopriamo quali sono. La famiglia Colonna era una storica casata patrizia romana, tra le più antiche documentate dell’Urbe e una delle più importanti nel Medioevo. L’episodio attraverso il quale i Colonna sono noti è lo scontro che, tra il 1296 e il 1303, li contrappone a papa Bonifacio VIII. Il tentativo da parte del pontefice, al secolo Benedetto Caetani, di far emergere la propria famiglia passava necessariamente attraverso l’acquisizione di terre e titoli nel territorio basso laziale al fine di creare un nucleo forte e coeso di possedimenti intorno alla città di Anagni. In breve i Caetani riuscirono, nel giro di pochi anni, ad emergere vistosamente tra le famiglie laziali e a costituire un elemento pericoloso per le altre famiglie nobili dell’epoca prima fra tutte, ovviamente, i Colonna che avevano in Palestrina il centro del loro potere territoriale. La famiglia Orsini, invece, era una tra le più antiche famiglie principesche e papali dell’aristocrazia romana e italiana, da sempre schierata con la parte guelfa. Vari suoi rappresentanti sono stati protagonisti illustri nella storia italiana del Basso Medioevo e del Rinascimento. Da questa famiglia provengono ben tre papi: Celestino III, Niccolò III e Benedetto XIII. Autentici artefici della politica pontificia nel XIII secolo, durante la cattività avignonese si scontrarono con gli interessi della famiglia Colonna, dando luogo a una famosa rivalità che ebbe fine solo con la riappacificazione del 1511 voluta da Giulio II della Rovere.

Leggi anche –> Il Santo del giorno 28 dicembre: Santi Innocenti martiri

Luca Congera scomparso a Quartu: cadavere carbonizzato non è suo, i gialli adesso sono due

Autostrade in tempo reale: traffico, incidenti, chiusure oggi domenica 30 dicembre